Home News Olimpiadi, Il governo approva il decreto per l’autonomia del Coni

Olimpiadi, Il governo approva il decreto per l’autonomia del Coni

CONDIVIDI

L’Italia potrà essere alle olimpiadi, dopo delle tese trattative a sbloccare la situazione è stato Giuseppe Conte.

olimpiadi
Malagò avrebbe già informato il presidente del Comitato olimpico internazionale.

l’Italia sarà alle olimpiadi. Il consiglio dei ministri si è deciso ad approvare il decreto per concedere l’autonomia al Coni. Una notizia non tanto scontata dato che, fino a poche ore dall’inizio del consiglio, si temeva un mancato accordo sui contenuti.

I ministri sarebbero stati tutti d’accordo sulla necessità del decreto

A sbrogliare la matassa è stato l’ex premier Giuseppe Conte. Gli altri ministri, infatti, anche se d’accordo sulla necessità del provvedimento non riuscivano a trovare un accordo sulla sostanza.

Il Coni avrà a disposizione una pianta organica

L’accordo, inoltre, prevede la disposizione di una pianta organica a favore del Coni. La soluzione sarebbe stata preferita al contratto di servizio, formula proposta da Sport e Salute ma bocciata dal presidente del Coni Giovanni Malagò. E’ stata esclusa, inoltre, anche la possibilità di una Coni S.p.a. giudicata troppo costosa.

Il piano adottato però, non è una novità. Si tratta, infatti, dello stesso piano proposto nel decreto 1 della governance e saltato alla fine di novembre per la rottura sul piano dell’incompatibilità fra Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Italia Viva.

Nel decreto, inoltre, è prevista anche un’attribuzione immobiliare, passeranno sotto il controllo del Coni infatti i centri di preparazione olimpica dell’Acqua Acetosa a Roma, di Tirrenia e di Formia. Per quanto riguarda i dipendenti, essi verranno trasferiti al Coni da Sport e Salute.

Non solo, anche gli stanziamenti, precedentemente di 40 milioni, sono destinati ad aumentare. L’approvazione del decreto, quindi, impedirà all’Italia di essere sanzionata dal Cio e di poter prendere parte ai prossimi giochi olimpici.

Malagò, infine, non ha perso tempo informando subito dell’avvenuto cambiamento Thomas Bach, il presidente del comitato olimpico internazionale, il quale si è detto felice della notizia.