Home News Nuovo Dpcm, tutte le novità per scuola e spostamenti: le regole del...

Nuovo Dpcm, tutte le novità per scuola e spostamenti: le regole del governo Draghi

CONDIVIDI

Le misure del nuovo Dpcm saranno in vigore dal 6 marzo al 6 aprile, includendo quindi anche la Pasqua e la pasquetta.

regole nuovo Dpcm

Novità importanti anche per i luoghi della cultura dal 27 marzo prossimo.

Le regole del nuovo Dpcm

Arriva il nuovo decreto dell’era Draghi: il primo Dpcm del nuovo premier entrerà in vigore il 6 marzo prossimo e le misure introdotte saranno valide fino al 6 aprile, quindi includeranno anche Pasqua e pasquetta.

Di seguito tutte le novità contenute nel nuovo decreto del presidente del consiglio dei Ministri.

  • Le novità per la scuola

La novità più importante del nuovo Dpcm riguarda la scuola. Nelle zone rosse l’attività scolastica in presenza è sospesa del tutto, anche per le elementari e le scuole dell’infanzia. Resta invece garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, come nell’era Conte.

Nelle Zone arancioni e gialle saranno i presidenti delle Regioni che dovranno decidere per la sospensione o la prosecuzione dell’attività scolastica.

Si potrà disporre la sospensione nelle aree in cui siano state adottate misure più stringenti per le varianti. Si può decidere per la sospensione anche nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di una settimana.

  • Visite a parenti e amici

Chi vive in zona rossa non può andare a casa di amici e parenti nemmeno una sola volta, come invece è possibile per coloro che vivono in zona gialla ed arancione, “nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi”, avendo la possibilità di portare con sé figli minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti.

  • Centri commerciali e mercati

Un’altra novità importante riguarda gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali. Nelle giornate festive e prefestive in tutta Italia resteranno chiuse queste attività, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie.

In zona rossa i mercati restano chiusi.

  • Barbieri e parrucchieri

Le attività di barbieri e parrucchieri resteranno chiuse in zona rossa.

  • Le novità per le zone bianche

Una importante novità è quella prevista nelle zone bianche, dove cesseranno le misure restrittive, ad eccezione di quelle generali, quali obbligo della mascherina e distanziamento.

Restano comunque sospesi gli eventi che comportano assembramenti, quali congressi e fiere.

  • Le novità per cinema e teatri

Novità importanti anche per cinema e teatri. A partire dal prossimo 27 marzo, in zona gialla c’è l’ok per i musei, anche nel week-end, oltre alla possibilità di partecipare a spettacoli in sale da concerto e teatrali.

La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala.

  • Le regole per l’asporto

Nel nuovo Dpcm viene eliminato il divieto di asporto dopo le 18 per le attività commerciali di vendita al dettaglio di bevande.

La possibilità di asporto fino alle 22 varrà però solo per le enoteche.

  • Il coprifuoco

Nel nuvo Dpcm si mantiene l’orario per il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.

In quelle ore sono consentiti gli spostamenti soltanto per  esigenze lavorative, situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

  • Spostamenti fra Regioni

Il nuovo Dpcm conferma fino al 27 marzo il divieto di spostamento tra le regioni, anche se queste si trovino in fascia bianca o gialla.

Si può uscire soltanto per comprovati motivi di lavoro, salute e urgenza, con l’apposito modulo di autocertificazione.

Ci si può recare nelle seconde case, ma soltanto se si trovano in fascia gialla o arancione.

In zona arancione non è permesso uscire dal proprio Comune, mentre chi abita in zona rossa non può uscire di casa se non per i già noti motivi.

In zona gialla ci si può spostare liberamente nella propria Regione, sempre nel rispetto del coprifuoco in vigore dalle 22 alle 5.