Home News Potrebbe esserci stato un incidente nucleare in Russia: nubi radioattive sparse per...

Potrebbe esserci stato un incidente nucleare in Russia: nubi radioattive sparse per l’Europa

CONDIVIDI

Nube radioattiva nel Mar Baltico: rilevato un livello di isotopi da fissione nucleare più alto del solito.

In aumento la radioattività nel Mar Baltico. Secondo la CTBTO, l’Organizzazione a sostegno del trattato di bando complessivo dei test nucleari, nei giorni scorsi ci sarebbe stato un incremento di particelle nucleari sul Baltico e in alcuni paesi prospicienti.

La nube radioattiva potrebbe provenire da una centrale nucleare in Russia.

I livelli di radioattività sono aumentati nell’atmosfera nel nord Europa e ciò potrebbe indicare la presenza di qualche danno in una centrale nucleare nella Russia occidentale, secondo un’agenzia sanitaria olandese.

Il picco radioattivo suggerisce danni a un elemento di combustibile nucleare, secondo l’Associated Press.

Tuttavia, l’operatore di energia nucleare russo Rosenergoatom ha negato i problemi relativi alle centrali nucleari di Kola e Leningrado.

Nube radioattiva rilevata nel Nord Europa: rilevati livelli elevati di radionuclidi

Diverse agenzie di sorveglianza scandinave hanno rilevato livelli elevati di radionuclidi (o isotopi radioattivi).

I radionuclidi sono atomi i cui nuclei sono instabili; l’energia in eccesso all’interno del nucleo viene rilasciata attraverso il decadimento radioattivo.

In particolare, le concentrazioni di radionuclidi cesio-134, cesio-137 e rutenio-103 sono aumentate in alcune parti della Finlandia, della Scandinavia meridionale e dell’Artico, Lassina Zerbo, segretaria esecutiva dell’Organizzazione globale del trattato sui test nucleari, ha scritto su Twitter.

Sebbene non rappresentino alcun danno per l’uomo, sono sottoprodotti della fissione nucleare, ha scritto Zerbo.

“I radionuclidi sono artificiali. La composizione dei nuclidi può indicare danni a un elemento di combustibile in una centrale nucleare”,

ha sottolineato un funzionario dell’Istituto Nazionale per la sanità pubblica e l’ambiente nei Paesi Bassi, che ha analizzato i dati isotopici.

Poiché sono state prese così poche misure, le agenzie di monitoraggio non sono state in grado di identificare una fonte specifica, hanno riferito i funzionari NIPHE.

L’improvviso picco di radioattività fa eco agli eventi successivi al disastro nucleare di Chernobyl, il più grande della storia.

A pochi giorni dal disastro del 1986, una centrale nucleare svedese ha rilevato elevati livelli di radioattività, secondo un resoconto del Parlamento europeo.