Home Salute & Benessere Non dovresti mai correre col tuo partner: ecco perché è altamente dannoso...

Non dovresti mai correre col tuo partner: ecco perché è altamente dannoso per la coppia

CONDIVIDI

Se vuoi un compagno di allenamento, cerca altrove: allenarti con la tua metà può essere un incubo

Correre col partner: una abitudine non sana
Correre in coppia

Correre insieme fa bene o no? Secondo la prof.ssa Joan Duda, esperta di sport e motivazione all’università di Birmingham, un compagno di esercizi può promuovere un coinvolgimento prolungato nell’attività fisica.

Ma questo si basa su tre fattori: competenza, autonomia e appartenenza.

Quando corri, vuoi impostare il tutto in modo da avere maggiori probabilità di sentirti competente e provare un senso di autonomia – come se avessi voce, scelta e input.

E devi avere un senso di appartenenza alla persona con cui ti alleni. È meglio sentire di essere supportati in modo non giudicante.

Quando hai tutte queste condizioni, correre insieme dovrebbe essere un’esperienza più positiva e una che aggiunge piuttosto che distrarre dal tuo benessere. Ma se non hai questi fattori quando corri con il tuo partner, le cose possono andare male“.

C’è, dunque, troppa tensione tra coppie in competizione:”Ho visto coppie sull’orlo del divorzio giocando a tennis insieme. Ma non deve essere così.

La situazione, chiaramente, non è esclusiva della corsa o del tennis. Ogni sport o attività competitiva, infatti, può innescare dei meccanismi di competizione malsani e che fanno male alla coppia.

In alcuni casi, infatti, la donna o l’uomo possono iniziare a dare consigli su come affrontare una certa attività, facendo sentire inadatto il partner.

E gli stessi risultati sembrano inevitabili sulla pista da sci. La scrittrice scientifica Emma Wilkinson afferma: “Il mio primo giorno a sciare con [il mio compagno] Mark come insegnante, sono finito in un mucchio in fondo a una corsa, in streaming con le lacrime e rifiutandomi di muovermi.

Pertanto, è meglio optare per un amico fidato o un collega di lavoro al fine di non innescare dei meccanismi di competizione eccessivi col proprio partner.