Home News “Soldi in cambio del trasporto di migranti”: la nave Mare Jonio sotto...

“Soldi in cambio del trasporto di migranti”: la nave Mare Jonio sotto inchiesta

CONDIVIDI

Avrebbe ricevuto soldi dalla danese Maersk Etienne per i 27 profughi salvati 37 giorni prima. Gli indagati dalla Procura di Ragusa sono 4.

indagati operatori Mare Jonio

Intanto, non si fermano gli sbarchi di migranti: la notte scorsa, infatti, 371 naufraghi hanno raggiunto il porto di Lampedusa.

La Mare Jonio sotto inchiesta

Un’accusa pesantissima quella con cui devono fare i conti 4 operatori della nave Mare Jonio.

Come riferisce anche La Repubblica, ad aprire l’inchiesta è stata la procura di Ragusa, che sta indagando su un trasbordo di 27 migranti, voluto dal cargo danese Maersk Etienne e girato alla Mare Jonio appunto.

Il tutto risale allo scorso settembre.

Al momento gli iscritti nel registro degli indagati sono 4: l’ex disobbediente Luca Casarini, il regista Alessandro Metz, il comandante Pietro Marrone e il capo missione del salvataggio Beppe Caccia. 

La Guardia di finanza e la polizia hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti dei quattro indagati nell’ambito dell’inchiesta.

Secondo l’accusa il trasbordo sarebbe avvenuto:

“Dopo la conclusione di un accordo di natura commerciale tra le società armatrici delle due navi, in virtù del quale quella della Mare Jonio ha percepito un’ingente somma quale corrispettivo per il servizio reso”.

371 migranti in arrivo a Lampedusa

Intanto, sono 371 i migranti giunti la notte scorsa a Lampedusa.

Sempre nella serata di domenica, sono stati intercettati 99 naufraghi dai carabinieri sulla strada di Cala Francese.

La motovedetta Cp 319 della Guardia costiera ha intercettato un barcone con a bordo 84 migranti. Dopo il primo salvataggio, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno tratto in salvo un altro barcone con 83 nordafricani.

Un’imbarcazione con a bordo 105 migranti, fra cui 6 donne e 5 bambini, è giunta la notte scorsa a molo Favarolo.

I naufraghi sono stati tutti trasferiti all’hotspot di contrada Imbriacola.

Al momento, nell’hotspot ci sono 485 persone a fronte di una capienza di poco meno di 200.