Home News Napoli sotto choc: proclamato il lutto cittadino per la morte di Maradona

Napoli sotto choc: proclamato il lutto cittadino per la morte di Maradona

CONDIVIDI

Diego Armando Maradona, il più grande calciatore, che ipnotizzava per il suo “piede d’oro” chiunque lo vedesse giocare, è morto oggi.

El Pibe De oro è morto in seguito ad un arresto cardiocircolatorio.

E’ morto un grande calciatore

Napoli è sotto choc per la morte di un grande del cacio: Diego Armando Maradona. A “stoppare” il piede d’oro del calcio mondiale, un avversario silenzioso: il suo cuore si è arrestato in seguito ad un attacco cardiocircolatorio.

Solo un mese fa aveva compiuto 60 anni, e gli appassionati del calcio lo avevano festeggiato. Un talento senza eguali il suo, che ha trovato nella città di Napoli il terreno fertile a che il suo genio scintillasse.

I Napoletani, con a a capo il primo cittadino De Magistris, lo piangono per quel genio che era. E’ proprio De Magistris che ha  deciso la giornata come lutto cittadino e annuncia di voler intitolare lo Stadio San Paolo a Diego Armando Maradona.

Arresto cardiaco

Maradona aveva da poco subito una operazione delicata alla testa, che aveva avuto un esito positivo, tuttavia l’ex calciatore è stato colto da un arresto cardiaco, mentre si trovava nella sua abitazione, in Brasile.

Come riporta anche Ansa.it, i suoi tifosi a Napoli hanno voluto ricordarlo accendendo molti lumini votivi nella piazzetta ai Quartieri Spagnoli, proprio davanti al murale raffigurante Maradona.

E’ qui che in un piccolo bar sono esposte foto e magliette che ritraggono il campione, e dove ora si ritrovano i tifosi a guardare le immagini del calciatore tirare i suoi clamorosi goal.

In un tweet il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha reso omaggio al calciatore dicendo:

“È morto Diego Armando Maradona, il più immenso calciatore di tutti i tempi. Diego ha fatto sognare il nostro popolo”.

La notizia della sua morte è stata data dal quotidiano argentino il Clarin e la CNN. Con Maradona se ne va Il Pibe de Oro, il più grande calciatore di tutti i tempi, vinse i Mondiali con l’Argentina, e regalò la gioia di due scudetti al Napoli.