Home News Allerta maltempo, la mareggiata di plastica invade Fiumicino e Napoli

Allerta maltempo, la mareggiata di plastica invade Fiumicino e Napoli

CONDIVIDI

Il mare restituisce quintali di plastica abbandonata in mare dopo il maltempo. Al lavoro gli operatori ecologici per ripulire le spiagge ed il lungomare

Allerta maltempo
maltempo

Anche se non se ne sentiva il bisogno, il mare ci ha dimostrato appieno come l’inquinamento da plastica sia piuttosto reale ed una vera e propria emergenza. Dopo il forte maltempo che sta colpendo la nostra penisola, ci sono state forti mareggiate a Napoli e Fiumicino, portando sulla spiaggia e sul lungomare quintali di plastica. Si tratta di un modo palese per farci affrontare l’emergenza della plastica in mare.

La plastica sul lungomare Caracciolo a Napoli

Le mareggiate di questi giorni hanno depositato quintali di plastica e di rifiuti in genere, sul lungomare Caracciolo a Napoli. Non si tratta purtroppo di un fenomeno nuovo, il mare restituisce sempre più spesso questi rifiuti. Purtroppo questo fenomeno è stato accentuato dalla forte ondata di maltempo che ancora aggredisce la penisola. Abbiamo l’intera spiaggia che si estende di fronte alla Rotonda Diaz è stata completamente invasa e ricoperta da rifiuti galleggianti, tra senza dubbio spiccano centinaia di bottiglie e grandi bidoni di plastica, che sono pensate per la mitilicoltura in alcune aree vicine.

Fiumicino, rifiuti sugli scogli e sulla spiaggia

Fiumicino non vede solo ed esclusivamente rifiuti di plastica sulle sue spiagge. Nella zona abbiamo una forte erosione e danni provocati alle strutture balneari di Fregene sud e Focene. Le forti mareggiate hanno colpito anche il litorale di Fiumicino, ma non è la prima volta che la cosa capita. Le scogliere poste a difesa dell’abitato di Passo della Sentinella, la foce del Tevere ed il vecchio faro simbolo di Fiumicino ne hanno pagato le spese, ricoperti da moltissimi rifiuti. Ogni rifiuto è stato trascinato dalla furia delle onde e possiamo ritrovare sugli scogli rifiuti come tronchi, legni, plastiche, copertoni, scarpe, bottiglie di vetro, gomma piuma. Come se non bastasse il piazzale a ridosso del faro è completamente allagato e cosparso di rifiuti che incidono pesantemente sul bilancio per raccogliere i rifiuti.