Home News Scontri a fuoco in Nagorno-Karabakh: città azera Ganja sotto attacco armeno

Scontri a fuoco in Nagorno-Karabakh: città azera Ganja sotto attacco armeno

CONDIVIDI

Armenia attacca la città di Ganja, continuano gli scontri a fuoco da 9 giorni per la conquista del Nagorno-Karabakh.

scontro armato armenia azerbaijan

La guerra tra Armenia e Azerbaijan continua senza esclusione d colpi: droni armati, bombardamenti, esplosioni e armi di ogni tipo.

La città di Ganja è sotto attacco armato da parte della potenza armena: 51 vittime militari separatiste decedute durante lo scontro al confine.

Ganja sotto attacco armeno

Ganja è la seconda cittadina in territorio azero attaccata dalle aggressive forze armene. Gli scontri a Stepanakert, la città più grande e importante del Nagorno-Karabakh, è già sotto fuoco armato da tempo.

Le sirene in città sono scattate già al mattino intorno le 9.30, ora locale, a causa di una serie di esplosioni. Razzi e bombe lanciate dai separatisti armeni hanno fatto scattare tutte le misure di contrattacco da rappresaglia.

Si legge su Ansa che il ministro della Difesa dell’Azerbaijan ha twittato la conferma:

La città azera di Ganja è sotto il fuoco delle forze armene.

Le autorità del Nagorno Karabakh hanno confermato di aver raso al suolo un aeroporto militare.

La prima mossa è stata della potenza azera

Sono 9 giorni di scontro a fuoco senza interruzione nonostante la richiesta dell’ONU di interrompere le ostilità.
Ieri le truppe azere hanno attaccato il Nagorno Karabakh via terra e via aria. La potenza armena ha risposto aprendo il fuoco su Ganja.
Gli azeri hanno scagliato un lanciarazzi Grad sulla capitale del Nagorno e hanno utilizzato anche dei droni armati da combattimento per rafforzare la loro offensiva.
Stepanakert è stata per ore, quasi giorni, sotto bombardamento. L’offensiva nella capitale del Nagorno Katabakh è stata attuata per spaventare a morte la popolazione civile e farli così scappare liberando automaticamente la città.
 
Il bombardamento è concentrato anche sulla frontiera: 51 soldati separatisti sono morti durante la battaglia contro le forze dell’Azerbaijan.
Di risposta l’Armenia, si legge su Repubblica, sta bombardando da ieri Ganja, la seconda città dimensionalmente più grande e popolosa dell’Azerbaijan.