Home Spettacolo Nadia Toffa, diffuso il suo diario intimo scritto gli ultimi giorni di...

Nadia Toffa, diffuso il suo diario intimo scritto gli ultimi giorni di vita: “Non avere paura, stammi vicino”

CONDIVIDI

Nadia Toffa, il diario degli ultimi giorni di vita: “Stammi vicino, non aver paura”, gli ultimi pensieri della conduttrice bresciana

Nadia Toffa

La ferita provocata dalla sua perdita è destinata a non rimarginarsi mai. Nadia Toffa si è spenta, dopo una battaglia contro il tumore durata due anni, il 13 agosto scorso lasciando un vuoto incolmabile nel cuore dei suoi cari e fan. Nelle scorse settimane la mamma della conduttrice bresciana, Margherita, ha annunciato tramite i social l’uscita del nuovo libro della figlia: una raccolta dei pensieri più intimi della giornalista.

Nadia Toffa, l’annuncio della mamma

Sono passati poco più di due mesi da quel triste giorno. La sua scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile nelle vite di amici e parenti della giornalista, stroncata a soli 40 anni da un tumore cerebrale.  A pochi mesi dalla sua morte, la mamma di Nadia Toffa ha fatto un commovente annuncio tramite i social svelando il desiderio di sua figlia poco prima morire: un nuovo libro che raccoglie i suoi pensieri.

Nel dettaglio, la giornalista bresciana ha scritto il suo libro durante gli ultimi mesi e ha chiesto a sua mamma di pubblicarlo dopo la sua morte. Il libro, intitolato ‘Non fate i bravi’,  uscirà il prossimo 7 novembre in tutte le librerie. Sono stati resi noti alcuni estratti di questa raccolta di pensieri nel quale emerge la grande forza nel combattere la sua malattia.

I pensieri della giornalista bresciana

Da quando ha scoperto la sua malattia non ha mai perso la grinta e soprattutto il suo bellissimo sorriso. Ed è questo che emerge nel libro in uscita questa settimana, di cui Repubblica fornisce un’anticipazione:

“Il dolore ci rende più profondi, più forti. Non deve sopraffarci, dobbiamo girargli intorno per avere un controcampo. Non arrendetevi mai prima del traguardo”, “Voglio un bene inesauribile alla vita”, perché è “leggera come la pietra pomice, sembra pesante, ma galleggia”.