Home News ‘Abbiamo trovato delle cose sul suo PC, aiutateci’: l’accorato appello della mamma...

‘Abbiamo trovato delle cose sul suo PC, aiutateci’: l’accorato appello della mamma di Nadia Toffa

CONDIVIDI

Nadia Toffa, un mese dalla sua scomparsa e l’accorato appello della madre: “Scoperte nel suo computer, stateci vicino”

Nadia Toffa
Nadia Toffa

E’ trascorso solo un mese dalla morte di Nadia Toffa ma il dolore, causato dalla sua prematura scomparsa, è ancora forte.

A poche settimane da quel tragico 13 agosto, la madre confessa cosa ha scoperto sul computer della sua compianta figlia.

Nadia Toffa, il ricordo dei suoi fan

Sono passate esattamente quattro settimane da quel giorno: Nadia Toffa è morta il 13 agosto, lasciando un vuoto nel cuore di tutte quelle persone che l’hanno amata. Da quando ha scoperto di avere un tumore al cervello, non ha mai perso la grinta e il suo bellissimo sorriso. Ha condiviso con la sua grande famiglia virtuale la sua battaglia, dimostrandosi come un esempio di forza e coraggio per chi, come lei, deve fare conti con la malattia. Dopo un mese dalla sua scomparsa, la mamma ha deciso di rompere il silenzio in una intervista rilasciata al famoso giornalista, Gianluigi Nuzzi.

La mamma della conduttrice bresciana ha voluto ringraziare tutte quelle persone che le sono state vicino e soprattutto per il calore che hanno dato alla famiglia quelli che si sono presentati alla camera ardente. La donna si è poi lasciata andare a delle confessioni molto importati. Di cosa si tratta? Ha scoperto l’eredità lasciata dalla sua figlia proprio sul suo computer.

La confessione della madre

La sua Nadia non hai mai smesso di portare al termine delle battaglie dure e lo dimostra anche quello che i suoi genitori hanno trovato sul suo PC. Si tratta di progetti importanti che la mamma vorrebbe portare avanti aiutata grazie al sostegno delle persone che da sempre hanno dimostrato il loro affetto:

“Aprendo il suo computer abbiamo scoperto delle belle idee. Noi prenderemo questo suo testimone, ci faremo aiutare anche perché siamo anziani, non dobbiamo demordere perché è importantissimo”.