Home News Musei a cielo aperto in Italia, quali visitare in questa fase 2?

Musei a cielo aperto in Italia, quali visitare in questa fase 2?

CONDIVIDI

Con l’inizio della fase 2.0, la nostra vita sta riprendendo la sua normalità, quindi perché non visitare musei a cielo aperto più belli d’Italia?

musei a cielo aperto

In Italia abbiamo moltissimi musei a cielo aperto, di cui possiamo godere grazie progressiva riapertura che la fase 2 comporta. Non si tratta di musei tradizionali dove le opere sono esposti, si tratta di luoghi all’aria aperta come mostre, parchi, giardini e installazioni. Sono solitamente visitabili tutto l’anno, ora poterli ammirare ha tutto un alto sapore:

I musei a cielo aperto da visitare

Farm Cultural Park di Favara – Agrigento

Il Farm Cultural Park di Favara è in provincia di Agrigento. L’ha voluto Andrea e Florinda, per poter valorizzare il territorio, per mezzo dell’arte e la sperimentazione.

Giardino dei Tarocchi di Pescia Fiorentina

Anche il Giardino dei Tarocchi di Pescia Fiorentina è molto particolare ed affascinante. I tarocchi sono rappresentati da enormi sculture molto colorate che raffigurano i Tarocchi. Questo parco è nato da un’idea dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle, una scultrice e pittrice e scultrice. Si tratta di un luogo fortemente desiderato ed è un luogo onirico, che dovremo visitare almeno una volta nella vita. Attualmente non ha ancora riaperto.

Ghizzano – Pisa

Qui possiamo ammirare un progetto particolare, che coinvolge tre artisti di livello internazionale : Alicja Kwade, David Tremlett e Patrick Tuttofuoco. Hanno lavorato al progetto artistico “Tre progetti per Ghizzano“. Coinvolge la popolazione locale e il territorio ricco di vicoli, chiese e giardini le loro straordinarie installazioni. Il paese è il museo stesso, per cui lo potete visitare quando preferite.

Parco dei Mostri di Bomarzo

Di questo parco avevamo già parlato perché unico nel suo genere. Il Parco dei Mostri di Bomarzo, sito nell’omonima località si trova in provincia di Viterbo. Si tratta di una sorta di labirinto, ricco di simbologia arcana, statue enormi alcune raffiguranti enormi mostri. Si tratta di un luogo adatto alle famiglie e solitamente è adatto a tutta la famiglia.

Parco Sculture del Chianti – Pivasciata

Siamo nella provincia di Siena. Ci troviamo a Pievasciata, dove il Parco Sculture del Chianti, mostra opere di artisti contemporanee, per lo più sculture e installazioni posizionate nel bosco.

Museo Terramare di Modena

Si tratta di un museo didattico a cielo aperto. Molto particolare, si trova in un sito archeologico, dove troviamo la ricostruzione di un villaggio terramaricolo dell’Età del Bronzo. Possiamo trovare un fossato, il terrapieno, palizzate difensive, una porta di ingresso  e due case arredate secondo quanto rinvenuto o i dati ottenuti durante le campagne di scavo.

Museo Maria Lai – Ulassai

Siamo in Sardegna nella provincia di Nuoro, dove abbiamo il museo “Maria Lai“, nato da un progetto dell’artista stessa nel 1981. Le opere si trovano distribuite a Ulassai, in modo che risultino in armonia con il contesto.

Arte Sella – Trento

Arte Sella si trova in provincia di Trento. Si tratta di un’esposizione dove le opere sono nate usando elementi naturali lungo la strada del Monte Armentera. Dal 22 maggio è stato ufficialmente riaperto ed è noto anche col nome di ArteNatura.

RB Ride di Carsten Höller – Pollino – tra Basilicata e Calabria

A Pollino troviamo il “RB Ride” di Carsten Höller, he è

“una giostra con dodici navicelle che gira in cerchio piegandosi verso il suolo.”

Si tratta di una giostra che ogni tanto rallentala rotazione, spaventando ed inquietando il visitatore che è obbligato ad osservare da una strana visuale la natura.

Via Francigena – borgo di Etrouble – Valle d’Aosta

Il borgo medievale di Etroubles, ospita un museo a cielo aperto dove possiamo trovare anche opere d’artisti internazionali. Le opere sono numerose, per esempio ospita lavori di Salvatore Sebaste pittore e scultore, l’artista svizzero Hans Erni oppure degli scultori ferraresi Alberto Gambale e Sergio Zanni, lo scultore francese Albert Féraud, i valdostani Giulio Schiavon e Siro Viérin, che creano sculture in legno.