Home News Multa per violazione quarantena: quale sanzione rischi se non la rispetti

Multa per violazione quarantena: quale sanzione rischi se non la rispetti

CONDIVIDI

La vicenda del 19enne positivo al Covid e beccato al parco con gli amici a Mestre ha riportato l’attenzione sulle multe inflitte a chi viola la quarantena.

multa violazione quarantena – www.lettoquotidiano.it

Ecco le sanzioni e le conseguenze penali che rischia chiunque violi l’isolamento domiciliare: multe salate e persino la reclusione.

Multe per chi viola la quarantena

Era risultato positivo al coronavirus, quindi gli era stata imposta la quarantena domiciliare. Il 19enne di Mestre però non ha resistito alla voglia di trascorrere un pomeriggio al parco con gli amici.

Ai Carabinieri che lo hanno controllato, il ragazzo ha detto di essere uscito di casa perché in attesa del tampone di conferma. Tempo che, però, avrebbe dovuto proseguire a casa, in isolamento fiduciario. I militari lo hanno quindi sanzionato per aver violato la quarantena.

A quanto ammontano le multe per violazione dell’isolamento domiciliare? Come riferisce anche Money.it, per i trasgressori della quarantena le multe vanno dai 500 ai 5.000 euro.

La sanzione è prevista nel decreto Io resto a casa ed è strettamente connessa alla gravità del fatto, visto che, chiunque venga meno all’isolamento fiduciario, mette in pericolo altre persone.

Le conseguenze penali per i trasgressori

Se le Autorità competenti ritengono che la violazione della quarantena costituisca un delitto contro la salute pubblica, ai trasgressori viene inflitta non soltanto una multa, ma rischiano anche la reclusione.

Si applica infatti l’articolo 452 del Codice penale che prevede la reclusione da 3 a 12 anni. La violazione dell’isolamento domiciliare diventa quindi un reato penale, che macchia la fedina penale dei trasgressori ed è iscritto nel casellario giudiziale..

Il mancato rispetto del regime di isolamento comporta una sanzione dai 500 ad un massimo di 5.000 euro, come prevede il decreto legge n.19 del 25 marzo.

Se, durante i controlli, il fermato rilascia dichiarazioni false sulla propria identità o su altre informazioni riguardanti la sua persona, rischia la reclusione da 1 a 6 anni per reato di falso.

Se il trasgressore contagia volontariamente altre persone, rischia la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Se la persona contagiata dovesse morire, il reato contestato è omicidio colposo ed in quel caso si rischia il carcere fino a 21 anni.

Per chi, invece, non rispetta l’obbligo di indossare la mascherina nelle situazione prescritte dalla legge, si rischia una multa dai 400 ai 3.000 euro.

LettoQuotidiano.it è stato selezionato nella nuova app di Google News. Per rimanere sempre aggiornato clicca qui e poi sulla stellina “Segui”