Home Casi Mostro di Foligno, torna libero? Gli esperti: “Siamo contrari, è pericoloso”

Mostro di Foligno, torna libero? Gli esperti: “Siamo contrari, è pericoloso”

CONDIVIDI

Il mostro di Foligno potrebbe tornare libero ma gli esperti bloccano tutto ed evidenziano la sua pericolosità: “Potrebbe fare ancora del male”

Mostro di Foligno, torna libero? Gli esperti: "Siamo contrari, è pericoloso"

Luigi Chiatti – meglio conosciuto come il “mostro di Foligno” – potrebbe presto tornare in libertà. Ma i professionisti del settore fermano tutto e cercano di far capire che potrebbe essere ancora pericoloso.

Luigi Chiatti libero? Gli esperti mettono tutti in guardia

Luigi Chiatti è stato arrestato e condannato dopo aver molestato e ucciso violentemente due bambini di 4 e 13 anni. Dal 2015 è dentro una struttura psichiatrica a Capoterra – Sardegna.

Chiatti potrebbe tornare libero in base alla decisione che dovrà prendere il Giudice Cristina Lampis. Lo stesso è stato esaminato dagli esperti della struttura che ne hanno dato esito negativo in merito ad un ritorno alla vita normale di sempre.

Secondo quanto si evince da FanPage, gli esperti evindenziano che l’uomo non avrebbe compreso la gravità delle sue azioni e non mostrerebbe alcun segno di rimorso nonostante ci siano delle lettere – inviate dall’uomo alle famiglie – dove si evidenzia pentito degli atti commessi.

Sulla decisione ci sarebbe anche il dubbio su una frase che è stata detta da Chiatti ad una guardia penitenziaria:

“se esco lo rifaccio”

Il Pm Grilletti sottolinea che sarebbe ancora necessaria la sua misura di contenimento presso il Rems in quanto “socialmente pericoloso”.

I due omicidi – ricordiamo – sono avvenuti a pochi mesi di distanza a Foligno, dove Chiatti era un ventenne che abitava insieme alla sua famiglia. Lui stesso aveva coniato il soprannome “il mostro” firmando così un biglietto anonimo che ha aiutato gli inquirenti a trovare il corpo di Simone Allegretti. Chiatti viene arrestato pochi giorni dopo aver ucciso Lorenzo Paulucci, colpito con un forchettone spostato dalla scena: una distrazione del killer che ha portato alla verità.