Home Cronaca Si sente male mentre fa colazione: il piccolo Diego muore a 6...

Si sente male mentre fa colazione: il piccolo Diego muore a 6 anni. I genitori donano gli organi

Il bambino si è sentito male la scorsa domenica mattina, mentre stava facendo colazione.

morto Diego Carpanese
Foto da Il Mattino di Padova

Immediati i soccorsi ed il ricovero all’ospedale di Padova, ma il piccolo Diego non ce l’ha fatta.

Tragedia ad Abano Terme: ucciso a 6 anni da un’emorragia cerebrale

La colazione, poi un dolore tremendo alla testa e la corsa in ospedale: è trascorsa così l’ultima domenica di Diego Carpanese, un bambino di appena 6 anni di Montegrotto Terme, Padova.

Poco dopo la colazione il bambino ha iniziato ad accusare un forte mal di testa. I genitori hanno immediatamente allertato il medico, che, vista la situazione, ha chiesto un’ambulanza.

Diego è stato trasferito d’urgenza all’ospedale pediatrico di Padova.

I medici hanno fatto il possibile, ma nella serata di lunedì il piccolo è stato dichiarato clinicamente morto.

Il bambino non aveva patologie pregresse ed era considerato sano.

Sotto choc i suoi genitori ed il fratellino Pietro.

Autorizzato l’espianto degli organi

Nonostante il grande dolore, i genitori del bambino hanno avuto la lucidità in un momento così terribile di autorizzare l’espianto degli organi.

Il loro piccolo vivrà in altri bambini che sono in attesa di un trapianto.

“Ti vedono correre all’ingresso della gioia del Paradiso, la tua mamma, il tuo papà ed il tuo amatissimo fratello”

è questo il messaggio che i genitori del bambino hanno voluto scrivere per ricordare il piccolo Diego.

Leggi anche –> Sharon, violentata e uccisa a 18 mesi, si aggrava la posizione di Marincat: rischia l’ergastolo

I funerali di Diego Carpanese si svolgeranno sabato 8 maggio nella parrocchia del Sacro Cuore di Abano Terme.

I genitori hanno chiesto che eventuali offerte vengano destinate alla “FONDAZIONE CITTA’ DELLA SPERANZA”.

Con il fratello maggiore, che quest’anno compie 9 anni, Diego condivideva la passione per il calcio, ereditata da papà Silvio.

I due fratellini trascorrevano interi pomeriggi a giocare insieme nel giardino della loro casa a Montegrotto.