Home Cronaca Monforte d’Alba, auto piomba sui passanti in piazza: morta una donna, 4...

Monforte d’Alba, auto piomba sui passanti in piazza: morta una donna, 4 feriti

CONDIVIDI

La vettura, a folle velocità, è piombata su due dehors in piazza Umberto I, travolgendo una comitiva di 6 persone.

suv travolge passanti monforte d'alba

Una donna di Torino è morta sul colpo, altre 4 persone sono rimaste ferite. Al volante del Suv un 42enne, sottoposto ai test di alcool e droga.

Tragedia a Monforte d’Alba

Tragedia nel pomeriggio di ieri, venerdì 25 settembre, a Monforte d’Alba, nel cuneese. Come riporta anche La Stampa, un suv è piombato a folle velocità su una comitiva di turisti, travolgendoli.

Una donna di 67 anni, Fiorangela Ghiglio, residente a Torino, è morta sul colpo. Altre 4 persone, tra cui il marito della vittima, sono rimaste ferite.

Gli altri tre feriti sono un turista belga e due tedeschi. La comitiva si trovava accanto ad uno dei dehors di piazza Umberto I, nel centro storico del paese.

Il suv, un Mercedes, è spuntato all’improvviso e li ha travolti. Poi ha distrutto il dehors, finendo la sua corsa contro i tavolini di un’altra attività commerciale di fronte.

Il 118 è giunto in poco tempo sul luogo della tragedia, ma per la donna non c’è stato nulla da fare. Gli altri feriti sono stati trasportati negli ospedali di Cuneo e Verduno. Nessuno di loro sarebbe in pericolo di vita.

Arrestato un 42enne di Savigliano

Alla guida del Suv un italiano di 42 anni, originario di Savigliano, in provincia di Cuneo, che è stato arrestato e si trova ora agli arresti domiciliari. Sottoposto all’esame tossicologico e all’alcol test, si attendono in giornata i risultati. Dalla prima ricostruzione, sembra che a causare l’incidente possa essere stata l’elevata velocità con cui procedeva l’auto.

L’uomo, rimasto illeso, è stato salvato dalle forze dell’ordine, dopo aver rischiato il linciaggio da parte delle persone presenti sul posto.

“E’ stato orribile. Le persone investite sono state trascinate per diversi metri”

ha raccontato uno dei testimoni.

Sulla vicenda indaga ora la procura di Asti.