Home Casi Mirabilandia, Edoardo agonizzante per tre minuti sotto acqua: emersi tutti i raccapriccianti...

Mirabilandia, Edoardo agonizzante per tre minuti sotto acqua: emersi tutti i raccapriccianti dettagli

CONDIVIDI

A Mirabilandia Edoardo è rimasto agonizzante per tre minuti sott’acqua mentre nessuno si accorgeva di lui. Ecco tutti gli agghiaccianti dettagli della tragedia

Mirabilandia
Mirabilandia

I video e l’autopsia hanno dato risposte che forse nessuno voleva sentire, visti i dettagli della tragedia del piccolo Edoardo a Mirabilandia.

L’ultimo saluto a Edoardo Bassani

Il piccolo Edoardo Bassani è morto in una giornata qualsiasi che per lui sarebbe dovuta essere di divertimento e svago, insieme alla sua mamma.

Un incidente che forse si sarebbe potuto evitare, con responsabilità sottovalutate da parte di molte persone e un episodio che non ha lasciato alcuna persona indifferente.

Nella giornata di domani, alle ore 15.30, si terranno i funerali del piccolo a Castrocaro Terme – Forlì presso la Chiesa San Nicolò e San Francesco.

Sono attese tantissime persone che vogliono dare un ultimo saluto a questo piccolo, considerato da tutti come un bambino allegro e vivace.

Edoardo agonizzante per tre lunghi minuti

I primi risultati dell’autopsia – per quelli definitivi bisognerà attendere 60 giorni – dichiarano che il piccolo sia morto per annegamento.

La dinamica dovrebbe essere chiara agli inquirenti, con la mamma che lo avrebbe lasciato vicino ad una piscina di 30 centimetri.

Dagli esami e dai filmati della videosorveglianza si evince che il piccolo si sarebbe diretto verso una piscina alta 110 cm, restando tre minuti con la faccia dentro l’acqua e alcune persone che nuotavano o passavano indisturbate.

Immagini terribili da visionare anche per gli inquirenti, che hanno iscritto nel registro degli indagati la mamma – il bagnino responsabile della sicurezza e altre otto persone.

Come si evince da Il Resto del Carlino, l’avvocato difensore della mamma ha rilasciato loro una dichiarazione:

“dall’autopsia posso dire che la mia assistita farà il processo sul banco delle persone offese”