Home Cronaca Arese, minacce e insulti ai Carabinieri al centro commerciale: in manette due...

Arese, minacce e insulti ai Carabinieri al centro commerciale: in manette due giovanissimi

CONDIVIDI

L’episodio risale allo scorso ottobre, quando i due adolescenti avevano sfidato a viso aperto i militari, intervenuti per sedare una lite.

minacce carabinieri arrestati due adolescenti

I due sono accusati di oltraggio a un pubblico ufficiale, furto e porto illecito di oggetto atto ad offendere, lesioni personali aggravate e resistenza a un pubblico ufficiale aggravata continuata.

L’aggressione ai due carabinieri

Era il 25 ottobre scorso quando due militari dell’Arma vennero aggrediti e minacciati da durante un intervento al mall “Il Centro” di Arese.

I due carabinieri erano giunti sul posto per sedare una lite, quando i due imputati, all’epoca entrambi minorenni, si erano letteralmente scagliati su di loro, colpendoli con violenza.

Quando i militari avevano cercato di identificare i presenti, scoppiò la violenta aggressione.

Per diversi minuti la situazione era stata piuttosto tesa, soprattutto per via delle continue minacce lanciate dal più grande dei due, che a torso nudo, aveva continuato ad inveire contro i militari.

“QUANDO ESCO, TI VENGO A PRENDERE E TI TAGLIO LA GOLA”

aveva urlato al militare, mentre il suo amico lanciava un coltello di 12 centimetri contro l’auto dei carabinieri.

Il fermo dei due adolescenti

Nel pomeriggio del 3 marzo i due ragazzi – 17 e 18 anni – sono stati fermati.

Il più grande è stato condotto in carcere, per l’altro si sono aperte le porte di una comunità per minori.

Per entrambi le accuse sono di: oltraggio a un pubblico ufficiale, furto e porto illecito di oggetto atto ad offendere, lesioni personali aggravate e resistenza a un pubblico ufficiale aggravata continuata.

Come riferisce anche Fanpage, i due imputati sono stati anche riconosciuti come gli autori di svariati furti ai danni di un supermercato di Rho.

Durante una rapina, avevano anche filmato il tutto con il cellulare ed avevano condiviso il video su Instagram.

Inoltre, il più giovane dei due è stato ritenuto responsabile di alcuni atti vandalici ai danni di un’edicola in un’attività commerciale a Rho.