Home News Milano, tenta di uccidere moglie e suocera: l’anziana morta in ospedale

Milano, tenta di uccidere moglie e suocera: l’anziana morta in ospedale

CONDIVIDI

Il 66enne, detenuto nel carcere di San Vittore, dovrà ora rispondere di omicidio colposo.

omicidio milano

La violenta aggressione ai danni di moglie e suocera è avvenuta domenica mattina all’alba, nell’abitazione in cui la coppia viveva con la suocera.

Tentato omicidio a Milano

È accaduto tutto in una frazione di secondi, neanche il tempo di rendersi conto di cosa stesse realmente succedendo. È lo sfondo della duplice aggressione avvenuta all’alba di domenica mattina in un appartamento di via Lambruschini, a Milano.

Un ex operaio in pensione, Giuseppe Luciano Bianco66 anni, ha accoltellato la moglie di 62 e l’anziana suocera. Dopodiché, si è ferito all’addome con lo stesso coltello che ha utilizzato per ferire le due donne, forse nel tentativo di togliersi la vita.

È stato lo stesso Bianco ad allertare i soccorsi, raccontando alle forze dell’ordine quanto appena compiuto.

Quando i carabinieri sono giunti sul posto, hanno trovato le due donne in un lago di sangue. La suocera dell’operaio è stata trasferita prima all’ospedale San Carlo, dopodiché, visto l’aggravarsi delle sue condizioni, si è deciso per il trasferimento al Niguarda di Milano.

La suocera non ce l’ha fatta

La moglie dell’uomo è stata invece trasferita al Niguarda e, come riferisce anche Fanpage, le condizioni della donna sarebbero in lieve miglioramento, e la 62enne non sarebbero più in pericolo di vita.

Purtroppo, la madre della donna, nonché suocera dell’aggressore, non ce l’ha fatta. La donna è deceduta dopo due giorni di ricovero. L’anziana era stata colpita con una ventina di coltellate.

Con la morte della suocera, la posizione di Giuseppe Luciano Bianco si aggrava ulteriormente. Il 66enne rischia ora l’accusa di omicidio.

Dimesso nella giornata di lunedì dall’ospedale Niguarda, è stato condotto nel carcere di San Vittore.

I vicini di casa hanno raccontato di continue liti, soprattutto con la suocera, ma non è ancora del tutto chiaro quale possa essere il movente dell’omicidio e del tentato omicidio della moglie.