Home Cronaca Milano, non si ferma allo stop e travolge un’auto: morto Renato Fabbi,...

Milano, non si ferma allo stop e travolge un’auto: morto Renato Fabbi, grave la moglie

CONDIVIDI

L’incidente è avvenuto nella serata di sabato scorso a Corsico, Milano, in via Piave, poco dopo le 22:30.

incidente milano

Il pirata della strada, che aveva abbandonato l’auto sul luogo dell’incidente, si è costituito nelle prime ore di questa mattina.

Incidente a Milano

Un’auto che non si ferma allo stop e travolge un’altra vettura, uccidendo praticamente sul colpo un uomo di 61 anni e ferendo gravemente la moglie.

È quanto accaduto lo scorso sabato sera a Corsico, Milano, all’incrocio di via Piave.

Una Bmw a folle velocità ha travolto ed ucciso Renato Fabbi, 61 anni. La moglie è in gravi condizioni, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Il 61enne è stato trasferito d’urgenza all’Humanitas di Rozzano, ma per lui non c’è stato nulla da fare.

L’incidente è avvenuto poco dopo le 22 di sabato sera, quando la vittima e sua moglie, che guidava l’auto, stavano rientrando a casa, dopo aver trascorso qualche ora dal figlio.

È stato proprio il giovane a raccontare quegli istanti drammatici, in un lungo post su Facebook.

“Vedere mio padre lì morto, dopo che avevamo passato una breve serata giusto per fare gli auguri per il compleanno del suo nipote, non è normale tutto questo, l’essere umano fa schifo è un mondo pieno di gente che non merita di starci”

ha scritto il figlio della vittima sui social.

Si costituisce il pirata della strada

A distanza di qualche ora da quel drammatico incidente, si è costituito il pirata della strada che ha travolto la coppia.

Come riferisce anche Leggo, si tratta di un 31enne marocchino, senza patente di guida.

L’uomo, che era in auto con un’altra persona, è fuggito via abbandonando la sua auto sul luogo dell’incidente, senza prestare soccorso alla coppia.

L’uomo ha spiegato di non essersi fermato a prestare soccorso poiché sprovvisto di patente di guida.

Il 31enne potrebbe ora essere incriminato per omissione di soccorso e omicidio stradale.