Home News Milan, Rangnick sarà il nuovo allenatore

Milan, Rangnick sarà il nuovo allenatore

CONDIVIDI

L’allenatore tedesco ricoprirà due ruoli, mister e direttore tecnico.

Siamo ormai agli sgoccioli di questo travagliato campionato di Serie A, ma nonostante ciò molte squadre già hanno iniziato a programmare il loro futuro. Non solo calcio mercato, alcune squadre, le quali hanno deluso l aspettative nel corso della stagione, su tutte Roma e Milan, stanno pensando ad una propria rivoluzione della squadra a partire dall’allenatore.

Se la Roma è ancora incerta se confermare o meno Fonseca, sembra ormai ufficiale la partenza di Stefano Pioli dalla panchina rossonera. Ricordiamo, infatti, che il tecnico emiliano ex Fiorentina, è arrivato sulla panchina del Milan solamente lo scorso ottobre per risollevare la squadra dopo un inizio disastroso con alla guida di Marco Giampaolo. Dal primo momento però si pensava che Pioli sarebbe stato un “tappabuchi” nella speranza che dalla stagione successiva un tecnico più affermato e ambizioso arrivasse a Milano.

Purtroppo però, nonostante le ottime prestazioni offerte dalla squadra in questo momento che la confermano momentaneamente al 7° posto in campionato, il futuro di Pioli sembra già scritto. E’ ormai ufficiale, infatti, l’arrivo sulla panchina del Milan dalla prossima stagione di Ralf Rangnick, allenatore proveniente dalla MLS statunitense, nello specifico dai New York Red Bulls.

L’allenatore tedesco vanta nel suo palmares diversi successi importanti come una coppa, una supercoppa ed una coppa di lega di Germania conquistate con lo Shalke 04 e 2 campionati d’Austria vinti con il Red Bull Salisburgo. In Italia Rangnick sarà il primo a ricoprire il doppio ruolo di allenatore e direttore tecnico, una scelta che fornirà al nuovo mister totale libertà sul mercato, potendo così scegliere al meglio su quali giocatori investire per riportare finalmente il Milan nell’Europa che conta. Da decidere, anche se sembra tutt’altro che roseo, il futuro di Paolo Maldini all’interno della società, dubbi alimentati anche dall’addio di Boban.