Home News Milan, aria di rivoluzione dalla prossima stagione

Milan, aria di rivoluzione dalla prossima stagione

CONDIVIDI

Non solo diversi giocatori con l’arrivo di Rangnick nemmeno Maldini sembra esser certo di restare

Sono mesi davvero caldi quelli che stiamo vivendo, in special modo per i tifosi milanisti i quali si trovano a vivere un campionato che, con ogni probabilità li vedrà impegnati nella lotta per un posto in Europa League fino all’ultima giornata. Ad alimentare ulteriormente le preoccupazioni del popolo rossonero è l’aria di una possibile nuova rivoluzione.

Ovviamente prendersi un anno lontano dalle coppe europee e cercando un campionato tranquillo in un progetto a lungo termine non è di certo un male. Molte squadre in seguito ad un ricambio generazionale, un pò com’è stato per l’Inter post triplete, perdono di brillantezza. Questa però, nel caso del Milan, sarebbe l’ennesima rinascita, in cui nessuna è culminata con una vittoria importante. Questo nuovo Milan, come abbiamo già ampiamente descritto negli scorsi articoli dedicati alla squadra rossonera, ripartirà da una figura importante, ossia quella di Ralf Rangnick. Il tecnico tedesco, infatti, non si occuperà solamente delle formazioni da schierare in campo ma persino del calciomercato, una figura simile a quella del manager usata in Premier League.

Questa nuova posizione ricoperta dal tecnico andrebbe ad oscurare completamente la figura di Paolo Maldini, attuale direttore tecnico della squadra, e arrivato insieme a Boban solo la scorsa estate. Ad essere onesti secondo alcuni rumors Gazidis avrebbe anche proposto un rinnovo all’ex numero 3 rossonero ma quest’ultimo non sarebbe intenzionato a rimanere.

Parlando sempre di difensori, Simon Kjaer è ufficialmente un nuovo giocatore del Milan. La società, infatti, proprio in queste ore ha riscattato il talento danese dal Siviglia per una cifra di circa 3.5 milioni di euro. Il giocatore ex Roma e Palermo ha firmato un contratto che lo ha legato alla formazione, anche se ancora per poco, di Pioli fino al 2022. Infine, questa riconferma sembrerebbe mettere alla porta Musacchio e Duarte, i quali verranno messi in vendita.