Home Politica Migranti scontro Trenta Salvini “Non firmo per umanità”. Toninelli: “Non ho firmato...

Migranti scontro Trenta Salvini “Non firmo per umanità”. Toninelli: “Non ho firmato il secondo stop”

CONDIVIDI

Grande scontro per i migranti tra Trenta e Salvini, a cui si aggiunge ora anche Toninelli. Vediamo insieme cosa sta succedendo

Migranti scontro Trenta Salvini
Migranti scontro Trenta Salvini

La questione migranti sulla Open Arms non si placa e si continua con uno scambio tra il Ministro Salvini e il Mininistro Trenta. Vediamo insieme gli aggiornamenti sul tema

L’arrivo della Open Arms a Lampedusa

La nave Ong con 147 migranti a bordo è arrivata nei pressi di Lampedusa, come da disposizione del Tra del Lazio e del Mininistro della Difesa Trenta – nonostante il divieto firmato da Matteo Salvini.

Per scortarli sino al Porto è stata mandata la Marina Militare e le motovedette della Guardia di Finanza e Guardia Costiera stanno monitorando i movimenti.

Dopo questa decisione del Tar il mininstro dell’Interno si è mosso immediatamente annunciando immediato ricorso e ribadendo il suo divieto, per l’entrata in acque internazionali.

In questo momento la nave si trova vicino al Porto, ma non è ancora approdata nonostante le condizioni buone del mare – ma resteranno in quella posizione durante tutta la giornata di oggi:

“siamo al sicuro ma non abbiamo il permesso di entrare al porto”

Lo scontro tra Trenta e Salvini

Il Ministro della Difesa Trenta ha spiegato di non aver voluto firmare in nuovo decreto del Ministro dell’Interno:

“ho preso questa decisione motivata da solide ragioni legali ascoltando la mia coscienza”

Evidenziando che dietro tutte le polemiche ci sono ragazzi e bambini che hanno subito violenze di tutti i generi:

“la politica non può perdere l’umanità”

Il ministro Matteo Salvini replica immediatamente:

“umanità non significa aiutare i trafficanti e le ong ma investire seriamente in africa”

Il Ministro Toninelli interviene e spiega di non aver firmato il secondo decreto:

“Salvini cerca il consenso facile, noi concretezza”