Home News Migranti, accordo con Malta operativo: ricollocazione per le prime 210 persone

Migranti, accordo con Malta operativo: ricollocazione per le prime 210 persone

CONDIVIDI

Non si parlava più dell’accordo dei migranti con Malta e invece nelle ultime ora spunta l’operatività e la distribuzione delle prime 210 persone

Migranti
Migranti, accordo con Malta operativo

L’accordo con Malta sui migranti ora sembra essere operativo con il ricollocamento degli stessi come da dettaglio della Unione Europea. Ecco i dettagli

Accordo con Malta per i migranti

Un accordo che è stato argomentato tempo fa e ora sembrava essere scomparso: al contrario di quanto ipotizzato ora è operativo.

Come si evince su il Messaggero, l’operatività dell’accordo siglato a La Valletta a settembre in collaborazione tra Italia – Francia – Germania – Malta e Finladia ha dato il via alle ricollocazioni delle prime 210 persone.

Si tratta degli ultimi profughi arrivati a Lampedusa in queste ultime settimane con applicazione della vicenda da parte di Bruxelles, assicurando di superare il Trattato di Dublino.

E’ bene evidenziare che questa tipologia di accordo non è solo per i richiedenti asilo ma anche per i migranti economici, che sino a poco empo fa erano destinati a restare nel primo Paese d’ingresso.

Cosa prevede la ripartizione?

La ripartizione prevista – come riporta il quotidiano – si occupa di ripartire le persone che arrivano in Portogalo, Spagna, Germania, Francia e Irlanda con Paesi aggiuntivi di quelli che erano stati precedentemente segnalati.

Questa ripartizione non è valida per le donne incinte e i minori, che avranno un altro genere di trattamento. L’attivazione del sistema tratta gli ultimi arrivi tra il 24 e il 26 novembre con le persone che erano state salvate dalla Ocean Vikings con sbarco a Messina – in aggiunta ai 62 della Open Arms sbarcati a Taranto:

  • 69 persone sono in partenza per la Germania
  • 90 persone sono attese in Francia
  • 20 in Portogallo
  • 25 in Spagna
  • 6 in Irlanda

L’accordo in futuro potrà prevedere anche altri Paesi come Cipro, Romania, Grecia e Lussemburgo ma è ancora tutto da definire nei prossimi mesi.