Home News Migranti, nubifragio al largo della Libia: 24 persone annegate

Migranti, nubifragio al largo della Libia: 24 persone annegate

CONDIVIDI

Secondo le prime ricostruzioni, 3 imbarcazioni cariche di migranti provenienti dalla Libia sarebbero state riportate indietro dalla Guardia Costiera

migranti Libia
Sarebbero 24 i migranti che hanno perso la vita.

Una nave, con 24 migranti a bordo, proveniente dalla Libia, si sarebbe ribaltata a causa di un nubifragio nel Mediterraneo, causando 24 morti.

Attualmente dei 24 dispersi sono stati recuperati solo 2 corpi.

A dare il triste annuncio l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim). Secondo le prime ricostruzioni, le navi partite dalla città della Libia, Al Zawiya, sarebbero state 3. Inoltre, a fare le veci di informatore,  Safa Msehli, portavoce dell’Oim a Ginevra. Quest’ultima ha raccontato come due imbarcazioni, contenenti almeno 45 persone, sarebbero state riaccompagnate in Libia dalla Guardia Costiera locale.

Sfortunatamente la nave che manca all’appello, la terza, si sarebbe ribaltata in seguito ad un nubifragio. Attualmente dei 24 migranti a bordo dell’imbarcazione, i militari libici avrebbero trovato solo due corpi, morti inseguito all’annegamento.

I sopravvissuti sono stati portati al centro di detenzione di Tripoli

Come raccontato da Msehli, inoltre, la maggior parte di quei migranti proveniva da paesi come Marocco ed Egitto. Infine, per quanto riguarda i sopravvissuti, essi sarebbero stati scortati al centro di detenzione di Tripoli.

“Questa nuova tragedia ci ricorda un’altra volta la necessità di aumentare le operazioni di Search and Rescue nel Mediterraneo. Invece continuiamo a vedere restrizioni imposte alle Ong e lunghi e non necessari stalli in mare”.

Queste le parole della portavoce dell’Oim scritte attraverso il proprio profilo ufficiale Twitter. A dare ulteriori dettagli sulla vicenda la compagnia che gestisce Alarm Phone, il servizio che fornisce assistenza telefonica ai migranti.

Quest’ultima ha dichiarato di essere stata contattata da due migranti a bordo di barconi. Di conseguenza, la compagnia ha avvertito le autorità sperando in un soccorso, invece, come raccontato, le imbarcazioni sono state ricondotte in Libia senza che i loro passeggeri potessero opporsi.