Home News Microsoft brevetta un sistema di chat in grado di riprodurre le personalità

Microsoft brevetta un sistema di chat in grado di riprodurre le personalità

CONDIVIDI

Nelle ambizioni di Microsoft il suddetto chatbot sarà in grado di far conversare gli utenti con chiunque si voglia.

Microsoft
Probabilmente ci vorranno ancora anni per vedere il progetto finito

Microsoft, una delle principali aziende informatiche di tutto il mondo, fra lo sviluppo di nuovi software e servizi per i suoi utenti non ha dimenticato di pensare al futuro. Proprio negli ultimi giorni, infatti, un nuovo e straordinario brevetto è stato registrato dalla società americana.

L’IA del chatbot sarà in grado di riprodurre tutte le personalità

Nello specifico quest’ultimo fa riferimento allo sviluppo di una nuova intelligenza artificiale conversazionale, detta chatbot, che sarà in grado di acquisire i dati dagli utenti e replicarne la personalità.

Il progetto ha subito attirato diverse attenzioni su di se. Infatti, se verranno rispettate le premesse, la chatbot sarà in grado di replicare persino la personalità dei nostri affetti che non ci sono più.

Al momento mancano i permessi per procedere con lo sviluppo

Nonostante l’entusiasmo collettivo attorno al progetto però il numero uno del settore AI di Microsoft ha rivelato come non ci sono ancora piani per procedere con il lavoro. Inoltre, anche l’ufficio brevetti degli Stati Uniti non ha ancora approvato l’avvio dei lavori.

Nonostante ciò è stato assicurato a Microsoft che la loro idea verrà protetta dalle imitazioni. Tornando a parlare del chatbot, egli sarà in grado di rispondere alle nostre domande in maniera differente in base alla personalità che ha assunto.

Per fare ciò però, l’azienda necessità di due fattori indispensabili: un archivio di conversazioni ed una personalità digitale. Nel primo caso si tratta di raccogliere conversazioni audio, foto e post dai social della persona da imitare.

Il secondo requisito invece consisterebbe nel trovare il giusto algoritmo in grado di riprodurre la personalità richiesta. I dati raccolti però, potrebbero non bastare, e di conseguenza si sta pensando di utilizzare insieme personalità simili. Nonostante le ottime promesse, infine, ancora non si conosce molto sul progetto ne sulla sua ipotetica data d’uscita.