Home Spettacolo Michele Zarrillo vicino alla morte, la confessione dolorosa da Caterina Balivo ‘Ho...

Michele Zarrillo vicino alla morte, la confessione dolorosa da Caterina Balivo ‘Ho rischiato di morire’

CONDIVIDI

Ospite durante l’ultima puntata di Vieni da Me, Michele Zarrillo, che si è raccontato nell’arco di una lunga intervista. La confessione dolorosa da Caterina Balivo: ‘Ho rischiato di morire’

Michele Zarrillo infarto
Michele Zarrillo

Dopo aver partecipato al Festival di Sanremo 2020, condotto dal grande Amadeus,  Michele Zarrillo è stato ospite nel celebre talk Show condotto da Caterina Balivo, Vieni Da Me.

Il cantante romano che è ritornato alla ribalta con il suo nuovo singolo ‘Nell’estasi e nel fango’ si è raccontato nell’arco di una lunga intervista, durante la quale ha ricordato uno dei periodi più drammatici della sua vita. Scopriamo di più.

Michele Zarrillo: ‘Ho rischiato di Morire’

A sette anni di distanza dall’accaduto l’artista romano ha parlato dell’infarto che l’ha colto il 5 giugno del 2013, a seguito del quale è ancora vivo, rivela Zarrillo grazie alla tempestività dei soccorsi che raggiunsero il luogo dopo soli 7 minuti.

Dopo l’infarto, intervento d’urgenza e 5 stent, per questo si definisce un miracolato:

‘poi sono stato davvero miracolato: una parte del mio cuore aveva smesso di battere e solo in rarissimi casi, dopo un infarto come il mio, riprende la motilità. Anche i medici erano sbalorditi’

ha raccontato a Caterina Balivo e il suo pubblico.

Michele Zarrillo rinato dopo la lunga convalescenza

Un periodo doloroso rivela l’artista, ma che è stato importante per capire e riflettere su tanti aspetti della sua vita. Durante la lunga convalescenza si è dedicato principalmente  alla sua famiglia, e in particolare a sua moglie, la celebre violoncellista Annarita Cuparo e ai tre figli nati dal loro amore, Valentina, Luca e Alice:

‘Passo le ore a giocare in riva al mare con secchiello e paletta, mi godo un tramonto’

poi ha aggiunto:

‘È il bello dell’essere in convalescenza, ti senti giustificato a gustarti la vita, ti concedi il lusso di godertela’

ha concluso Michele Zarrillo.