Home Casi Michele Bravi, il silenzio dopo l’incidente: quanti anni rischia per l’omicidio stradale

Michele Bravi, il silenzio dopo l’incidente: quanti anni rischia per l’omicidio stradale

CONDIVIDI

Michele Bravi, cantautore di talento, ha visto la sua vita stroncata a causa di un omicidio stradale. Che fine ha fatto?

Michele Bravi incidente
Michele Bravi

E’ bastato un attimo perché la vita e la carriera del giovane di talento Michele Bravi venisse totalmente compromessa. Vediamo insieme cosa è successo e quanti anni rischia.

Chi è Michele Bravi

Michele Bravi è un cantautore italiano di 23 anni noto per aver vinto una delle edizioni di X-Factor Italia. Una vincita che non gli ha portato un grande successo, essendo stato accantonato per un po’ di tempo sino alla sua partecipazione a Sanremo con la famosa canzone “Il Diario degli Errori” e la collaborazione con Amici di Maria De Filippi come coach degli allievi – durante le scorse edizioni.

Un coming out coraggioso e l’inizio di una promettente carriera con singoli di grande potenziale e duetti che hanno fatto ballare per tutta l’estate – come quello con Elodie. Il destino di questo giovane ragazzo ha però incontrato sui suoi passi un tragico epilogo che l’ha portato al ritiro – speriamo momentaneo – dalle scene e ad un rischio molto grande. 

L’omicidio stradale e il rischio

Una notte ha cambiato la vita del cantante, anche se non sono chiare le dinamiche di questo incidente che ha portato alla morte di una donna di 57 anni.

Secondo quanto si è appreso, Bravi era a bordo di un’auto a noleggio quanto la possibilità di una inversione di marcia o manovra senza controllo ha provocato lo schianto con una moto e alla morte della conducente. I risultati dell’alcol test e stupefacenti sono risultati negativi, ma resta il fatto che il cantante rischia da due a sette anni di carcere con l’accusa di omicidio stradale.

Da quel momento il cantante è sparito ritirandosi nel silenzio sia personale e sia professionale/social  – anche dopo i tanti insulti da parte degli haters.