Home News Messe, al via entro fine mese le celebrazioni con i fedeli: Bassetti...

Messe, al via entro fine mese le celebrazioni con i fedeli: Bassetti annuncia l’intesa

CONDIVIDI

I fedeli potrebbero tornare in chiesa per le messe entro fine mese. Ad annunciarlo il cardinale Gualtiero Bassetti.

messe

Messe in presenza dei fedeli già da fine mese. Il cardinale Bassetti annuncia un accordo che consentirà la ripresa delle celebrazioni.

Messe con i fedeli già da fine mese

Le messe in presenza dei fedeli potrebbero arrivare già dalla fine di questo mese. È quanto annunciato dal cardinale Gualtiero Bassetti nel comunicato della Conferenza Episcopale Italiana.

Come riporta anche Tgcom24, nel testo non vengono indicate date certe, ma le celebrazioni eucaristiche potrebbero riprendere già da fine mese, in coincidenza con l’Ascensione o per la Pentecoste, quindi il 24 o il 31 maggio prossimi.

Bassetti ha pubblicamente ringraziato la presidenza del Consiglio dei Ministri, il ministro degli Interni e della Salute ed il Comitato tecnico-scientifico.

La ripresa avverrà tenendo sempre presente la curva dei contagi del coronavirus e la possibile risalita con l’avvio della fase due dell’emergenza coronavirus.

Il cardinale ha però annunciato la necessità di non abbassare la guardia.

Il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, si è detto molto soddisfatto per il ritorno delle celebrazioni eucaristiche.

“Una decisione giusta ed opportuna”

l’ha definita il governatore lombardo.

Fontana ha fatto sapere che la Regione Lombardia nei giorni scorsi si era data molto da fare perché fossero ripristinate le messe in presenza dei fedeli.

Celebrazioni consentite in Sardegna

Una decisione anticipata già dal governatore della Sardegna, Christian Solinas. Il presidente della regione, infatti, ha dato il via libera alle celebrazioni eucaristiche con obbligo di distanziamento e di indossare dispositivi di protezione.

Sulla decisione di Solinas c’è stato però il tentennamento degli stessi escovi sardi, che hanno chiesto di franare la ripresa delle celebrazioni.