Home Politica MES, scontro PD-Movimento 5 Stelle: il Fondo Salva Stati infiamma la polemica

MES, scontro PD-Movimento 5 Stelle: il Fondo Salva Stati infiamma la polemica

CONDIVIDI

MES: si incendia la polemica tra PD e Movimento 5 Stelle, è subito scontro

Domani l’Eurogruppo affronterà nuovamente il tema del MES e lo scontro tra il Movimento 5 Stelle e il PD si infiamma.

Il leader politico M5S Vito Crimi attacca il PD per il sì al fondo Salva-Stati MES, anche senza condizionalità.

C’è aspra polemica e alta tensione nella maggioranza sul ricorso al Fondo Salva Stati con il Movimento 5 stelle, contrario al MES.

Il dibattito interno alla maggioranza si infiamma al punto da spingere il Pd a dover sottolineare il fatto che

“il Governo non rischia la crisi”.

Il Premier Conte ha ribadito che la linea del governo rimane ferma nel non ricorrere ai fondi del MES.

Il PD con i suoi capigruppo e il segretario Nicola Zingaretti hanno detto di essere d’accordo all’ipotesi di “sfruttare i soldi sulla sanità” messi a disposizione dal MES “light”.

Anche Matteo Renzi di Italia Viva si è detto favorevole, mentre il Movimento 5 Stelle e Leu sono fermamente contrari.

Conte alla Camera, ma è scontro con l’opposizione

Martedì prossimo si svolgerà una nuova informativa di Conte in vista del Consiglio europeo del 23 aprile.

Non sarà previsto alcun voto visto che si tratta di un’informativa, come invece avevano chiesto FdI e Lega.

“Dal governo Conte un vero bavaglio al Parlamento, e quindi a tutti gli italiani. Mentre in tutta Europa la discussione è aperta, in Italia maggioranza e governo impediscono discussione e votazione, sostenuta oggi in capigruppo solo dalla Lega e da FdI, di un documento di indirizzo sul MES in vista dell’Eurogruppo del 23 aprile”,

sottolinea il Capogruppo della Lega, Riccardo Molinari.

Scontro MES: verso il Decreto di aprile ’20

La battaglia sul Fondo Salva-Stati si incendia sempre di più nella fase finale della preparazione del “decreto di aprile”, che dovrebbe arrivare entro fine mese.

In effetti il Decreto di Aprile sarebbe dovuto arrivare già prima della celebrazione delle festività di Pasqua.