Home News Germania e Francia dicono sì al debito comune in Europa: “500 miliardi...

Germania e Francia dicono sì al debito comune in Europa: “500 miliardi per la ricostruzione dell’UE”

CONDIVIDI

Merkel-Macron uniti per ricostruire l’UE: spunta un piano da 500 miliardi di euro

Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron hanno annunciato l’intenzione di creare un piano di ricostruzione di 500 miliardi di euro da offrire agli Stati più colpiti dalla crisi.

Merkel e Macron hanno annunciato il loro piano di ricostruzione in una videoconferenza: Germania e Francia intendono istituire un fondo di emergenza temporanea da 500 miliardi di euro, gestito dalla Commissione europea, che prenderebbe in prestito denaro sui mercati finanziari a nome dell’UE.

I soldi devono essere resi disponibili “in modo molto mirato”, per sostenere i settori più colpiti.

Macron ha sottolineato che questo denaro rappresenterà un “dono”, il che significa che i beneficiari non dovranno rimborsarlo.

Il fondo farà parte del prossimo bilancio pluriennale, che inizierà il prossimo anno.

Ricostruzione sanitaria ed economica dell’UE

L’iniziativa franco-tedesca dovrebbe avviare la ricostruzione dell’UE dopo la crisi sanitaria.

“L’Europa affronterà insieme questa crisi e ne usciremo più forti.

L’obiettivo dichiarato dei nostri sforzi congiunti è raggiungere una ripresa economica sostenibile per l’Unione europea”,

ha dichiarato la Merkel in una nota.

“Noi, Germania e Francia, siamo impegnati nella nostra responsabilità per l’UE senza se e senza ma e aiuteremo insieme ad aprire la strada alla crisi”,

ha aggiunto.

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, presenterà il suo piano di recupero post-coronavirus il 27 maggio.

La Commissione UE ha dichiarato di aver accolto con favore la proposta, in quanto

“riconosce la portata e le dimensioni della sfida economica che l’Europa deve affrontare e giustamente pone l’accento sulla necessità di lavorare su una soluzione con il bilancio europeo al centro”,

secondo Von der Leyen.

Tuttavia, anche gli Stati membri dovranno concordare, hanno dichiarato Macron e Merkel, ammettendo che sarebbe ancora necessario lavorare “per riunirli tutti”.

“Di fronte alla pandemia, l’Europa era senza dubbio in colpa all’inizio della crisi.

Ma ci sono stati gesti molto concreti di solidarietà. Questa solidarietà ha salvato la vita”,

ha affermato Macron, aggiungendo che la salute non è una competenza fondamentale dell’UE, ma lo è l’economia.