Home News Mercatini di Natale: con il nuovo Dpcm sono proibiti in tutta Italia

Mercatini di Natale: con il nuovo Dpcm sono proibiti in tutta Italia

CONDIVIDI

Non ci saranno i mercatini di Natale tanto attesi da grandi e piccini. Sul sito del Governo italiano sono state pubblicate le faq sulle nuove norme da rispettare.

mercatini di nataleOltre ai mercatini di Natale, dalle Faq si evince anche che è sconsigliato portare i bimbi dai nonni.

Le nuove norme

Il nuovo Dpcm, in vigore dallo scorso 3 novembre, vieta i mercatini di Natale. Il sito del Governo ha reputato giusto pubblicare una serie di risposte a domande frequenti relative a cosa si può fare e cosa non si può fare con le nuove norme anti contagio vigenti.

I mercatini di Natale, in quanto manifestazione locale, fuori da spazi predestinati, sono assimilabili a fiere. Per questo motivo, a differenza delle attività stabili dei mercati, sono proibiti. Non importa in quale zona d’Italia ci si trovi: non si svolgeranno ne in zona gialla, ne rossa, ne arancione.

Cosa è sconsigliato

Resta possibile portare i propri figli dai nonni ma è fortemente sconsigliato. Questo perché gli anziani sono tra le categorie più a rischio e dovrebbero evitare contatti con l’esterno il più possibile.

Uno spostamento, dunque, che è possibile ma soltanto per cause di forza maggiore. Ad esempio, se devono andare a riprenderli a scuola ma la permanenza nella casa di un nonno non è consigliata. A tal proposito, il governo suggerisce ai genitori il lavoro agile o i congedi parentali.

Per quanto riguarda i tragitti in macchina, si possono fare anche con persone non conviventi purché siano sedute dietro e provviste di mascherina. La mascherina può non essere indossata soltanto se c’è una barriera fisica di separazione.

Per le seconde case, queste possono essere raggiunte soltanto se si trovano nella stessa zona. Non si può andare in una seconda casa che è contrassegnata come zona rossa. Ciò nel rispetto del divieto di spostarsi che vige dalle 22 alle 5.

In ogni caso, si può sempre rientrare nella propria residenza o abitazione per comprovate esigenze.