Home News Meghan Markle incinta: Lo Staff della Clinica di Kate ‘in allerta’

Meghan Markle incinta: Lo Staff della Clinica di Kate ‘in allerta’

CONDIVIDI

Qualche settimana fa, alcune fonti vicine a Bukingham Palace, affermarono che la Markle  non avrebbe partorito nella stessa clinica di Kate Middleton. Secondo nuove indiscrezioni riportate dal  Daily Telegraph, invece, pare che lo Staff della Lindo Wing del St. Mary’s Hospital, sarebbe “in allerta” per accoglierla da un momento all’altro. Ecco tutti i dettagli.

Meghan Markle in precedenza aveva affermato di non voler partorire nella stessa clinica dove Kate Middleton ha partorito i suoi tre figli. Ora al contrario pare sarà proprio questa la clinica in cui darà alla luce il suo Royal Baby, o i suoi Royal Babies, dato che le voci di corridoio non sono mai state ne smentite ne confermate.

Inizialmente, secondo alcune indiscrezioni pubblicate dal The Sun, per una questione di mera comodità rispetto alla posizione del Frogmore Cottage, in cui lei e il Principe Harry avrebbero dovuto trasferirsi, date le voci che circolano sulla crisi coniugale, la Duchessa del Sussex aveva scelto la Clinica Frimley Park, nel Surrey.

Pare invece, ora che stia per seguire le orme della Duchessa di Cambridge, Kate Middleton, in quanto secondo alcune nuove indiscrezioni andrà a partorire nella stessa clinica in cui sono nati George, Charlotte e Louis.

Daily Telegraph: “Lo staff della Lindo ‘in allerta’”

Meghan Markle, qualche settimana fa, si lasciò sfuggire, il periodo in cui il Royal Baby sarebbe venuto alla luce. Tale periodo coinciderebbe con i mesi di (fine) aprile e maggio.

Secondo il tabloid inglese, il personale della Lindo Wing sarebbe stato messo in ‘allerta’ per accogliere da un momento all’altro la Duchessa del Sussex, infatti pare sia stato invitato caldamente a non prendere ferie durante il mese di aprile.

Nulla di confermato, ma tutti credono che tale coincidenza abbia a che fare con la nascita del figlio dei Duchi del Sussex.

Alla fine la Markle avrà ceduto, alle ‘tradizioni di famiglia’?