Home Cronaca Maxirissa della vigilia di Natale a Ercolano: arrivano i primi denunciati

Maxirissa della vigilia di Natale a Ercolano: arrivano i primi denunciati

CONDIVIDI

Nella maxirissa per disperdere i giovani che si azzuffavano, sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco in aria.

Nonostante il lockdown e le restrizioni, erano decine le persone che si sono prese a calci.

Sette denunciati

La maxi rissa è avvenuta la vigilia di Natale nelle strade a Ercolano, in provincia di Napoli.

E’ stata ripresa da molti che, affacciati alle finestre assistevano ad una scena surreale, che poi ha scatenato l’ira di tanti sui social.

Infatti nonostante il lockdown e le restrizioni, in vigore sono state decine le persone che si sono fronteggiate a botte di calci e pugni, e questo nel mezzo di clacson che suonavano impazziti.

Tanto che un video, postato in rete è diventato virale.

Al momento si contano sette giovani, di età compresa tra i 20 e i 29 anni, i quali sono stati denunciati dai carabinieri all’autorità giudiziaria.

Si pensa che la zuffa altro non sia che il frutto di una sfida lanciata via social, imitando quanto già accaduto nei giorni scorsi a Roma.

Controllati anche i video sui social

Gli agenti della Polizia Municipale di Ercolano, e i carabinieri della compagnia di Torre del Greco, continuano a visionare i filmati delle telecamere di sorveglianza.

Non solo, vengono controllate minuziosamente le immagini poi diventate virali sui social. Mentre nei prossimi giorni i sette giovani individuati saranno ascoltati dagli investigatori.

Come riferisce la Stampa, il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto ha spiegato:

“Vogliamo fare chiarezza su quanto accaduto nell’interesse dell’intera comunità”.

E’ ferma convinzione del sindaco che quanto avvenuto la vigilia di Natale non debba più ripetersi. Il sindaco di Ercolano ha aggiunto:

“La criminalità organizzata, soprattutto in periodi di forte disagio, trova terreno fertile”.

Infine da parte del sindaco Bonajuto  c’è stata una richiesta d’aiuto, in quanto occorrono ‘maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine’ e di una vigilanza della comunità sana di Ercolano.