Home Casi Mauro Romano, “Venduto all’estero”: spunta una clamorosa testimonianza

Mauro Romano, “Venduto all’estero”: spunta una clamorosa testimonianza

CONDIVIDI

Potrebbe essere clamorosa la svolta nelle indagini sul caso di Mauro Romano scomparso a 6 anni, ecco la testimonianza chiave.

Mauro Romano-1
Il piccolo Mauro Romano rapito a sei anni

È una donna a rivelare una notizia incredibile sul caso di Mauro Romano scomparso a sei anni dalla sua casa e mai ritrovato. Ecco cosa è emerso.

Mauro Romano è vivo all’estero?

A svelare una possibile svolta è il settimanale Giallo che riporta quanto emerso dalle dichiarazioni della Pm Stefania Mininni.

Il piccolo di appena 6 anni di cui si sono perse le tracce dal 21 giugno 1977 potrebbe essere stato venduto fuori dall’Italia.

I destinatari di tale “adozione” illegale sarebbero persone che non avendo figli si sarebbero rese disponibili a tenere il bimbo rapito da Taviano in Puglia.

A fare questa incredibile soffiata agli inquirenti sarebbe stata una donna di 40 anni che avrebbe avuto rapporti con il sospettato fermato di recente.

L’uomo, sarebbe un amico della famiglia Romano ed ora sarebbe entrato nel mirino degli inquirenti per il rapimento del bimbo.

La nuova pista degli inquirenti

Da quando Mauro scomparve mentre giocava di fronte alla casa dei suoi nonni molte sono state le ipotesi e le piste abbandonate.

A permettere la svolta, ben 43 anni dopo la scomparsa, sono state alcune nuove testimonianze che avrebbero portato gli inquirenti a concentrarsi su un soggetto mai entrato nell’inchiesta.

Si tratterebbe di un 70enne, Antonio M, che è stato iscritto nel registro indagati: avrebbe sequestrato lui Mauro quel pomeriggio.

L’uomo all’epoca era un amico stretto dei Romani che faceva parte della comunità di Testimoni di Geova da cui poi i genitori di Mauro si sono allontanati.

Il piccolo secondo le ricostruzioni potrebbe aver seguito l’uomo sulla sua auto e lo “zio”, come lo chiamava Mauro, lo avrebbe poi venduto.

L’uomo avrebbe poi rivelato alla testimone:

” Cercarlo è inutile, perché è stato venduto. Si trova in un Paese all’estero”.

La testimonianza confermata da altre due donne è attualmente stata messa a verbale dai Carabinieri di Lecce: tutti sperano che porti alla svolta tanto agognata.