Home Politica Matteo Salvini: “Mes non è un derby, Berlusconi può dire quello che...

Matteo Salvini: “Mes non è un derby, Berlusconi può dire quello che vuole”

CONDIVIDI

Matteo Salvini replica a Romano Prodi e al leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in merito al Mes.

matteo salvini

La risposta di Matteo Salvini alle parole dell’ex presidente del Consiglio sul Fondo salva-Stati.

Le parole di Silvio Berlusconi

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha deciso di intervenire sulla polemica in corso tra il Governo e le opposizioni riguardo al fondo salva-Stati.

L’ex presidente del Consiglio ha sottolineato che, in una condizione emergenziale come quella che sta attraversando il Paese, le opposizioni non dovrebbero fare ostruzionismo, ma piuttosto cercare di collaborare.

Il leader di Forza Italia ha ammesso di essere stato uno dei promotori del fondo salva-Stati. All’epoca però il Mes si presentava diversamente con l’inclusione degli Eurobond, poi cancellati dal governo Monti.

Secondo Berlusconi, quindi, il Mes non va demonizzato, perché è logico che i Paesi più ricchi chiedano garanzie.

La replica di Matteo Salvini

Il leader della Lega ha replicato a Silvio Berlusconi sull’apertura riguardo il fondo salva-Stati.

“Il Mes non è un derby”

ha detto l’ex ministro dell’Interno, che ha lasciato al leader di destra la possibilità di dire quello che vuole.

Il fondo salva-Stati è stato istituito da un trattato, le cui problematiche sono le condizionalità.

È questa la replica del leader della lega alle aperture mostrate da Silvio Berlusconi nei confronti del Mes. Come si evince anche da Tgcom24, Matteo Salvini ha sottolineato che, tramite il fondo, in futuro potranno essere richiesti anche tagli alle pensioni.

Sull’emergenza coronavirus in Italia, il leader della Lega ha poi dichiarato che se qualcosa non ha funzionato in Lombardia, potrebbe essere un problema dall’alto.

“Strano partire da Codogno, Alzano e dalle residenze per anziani: ci sono problemi ovunque”.

L’epidemia è partita nelle due regioni del Nord che, ovviamente registrano più decessi. Adesso non è tempo di ispettori, ha sottolineato Salvini, ma di aiutare concretamente anche con l’invio di dispositivi medici.