Home Politica Andrea Camilleri tuona contro Matteo Salvini: “Stiamo tornando indietro!”

Andrea Camilleri tuona contro Matteo Salvini: “Stiamo tornando indietro!”

CONDIVIDI

Andrea Camilleri contro Matteo Salvini? In un’intervista a Radio Radicale il suo giudizio ha lasciato molto poco spazio all’immaginazione

Matteo Salvini, Andrea Camilleri contro di lui: "Stiamo tornando indietro!"

Mentre ieri è andato in onda lo spettacolo teatrale su Rai Uno di Andrea Camilleri, in un’intervista ha parlato del suo pensiero su Matteo Salvini e il suo operato.

Camilleri contro Salvini

Non è la prima volta che lo scrittore attacca il vice premier per le sue ideologie e il suo operato, ma durante l’ultima intervista rilasciata a Radio Radicale il tutto ha preso una piega differente.

Lo scrittore è stato ospite della Radio durante il programma “Le parole e le cose”, parlando di Montalbano e di tutti i suoi lavori più celebri. Tra queste cose è riuscito anche a parlare del vice premier Salvini dichiarando:

“salvini sarebbe un meraviglioso federale di mussolini”

Evidenziando che a forza di “tornare indietro” l’Italia potrebbe ritrovarsi nuovamente al 1922:

“ho 93 anni e ho conosciuto bene i gerarchi fascisti”

Le dure parole di Camilleri

Ma, come accennato, non è la prima volta che lo scrittore si schiera contro Salvini paragonandolo a Benito Mussolini in più occasioni. Naturalmente il paragone non è a carattere fisico ma comportamentale e psicologico, soprattutto sul tema migranti.

Ricordiamo bene che la prima puntata della nuova stagione di Montalbano sia stata ampiamente criticata – come spiegato in questo nostro articolo – in quanto incentrata sui migranti, ed è proprio questo che sembra non andare a genio allo scrittore.

A gennaio lo stesso, come si evince dal sito Fanpage, aveva inviato un video in merito allo sgombero del Centro di Accoglienza alle porte di Roma dove si dissociava dall’essere italiano:

“questa è una ossessione. io mi dissocio dall’essere cittadino italiano”

Il vice premier Salvini non ha controbattuto alle parole dello scrittore e per ora ha preferito il silenzio, in tale direzione.