Home Cronaca “Schiaffeggiati e faccia contro il muro”, scoperto l’asilo degli orrori a Matera:...

“Schiaffeggiati e faccia contro il muro”, scoperto l’asilo degli orrori a Matera: bambini terrorizzati

CONDIVIDI

A Matera è stato scoperto l’asilo degli orrori con i bambini terrorizzati dalla maestra, tra punizioni e schiaffi

Matera
Matera

Un asilo dove succedeva di tutto a Matera, dove i bambini erano costretti a subire ogni tipologia di punizione – verbale e fisica – da parte della maestra.

Bambini maltrattati dalla maestra

Una situazione molto particolare accaduta in un asilo, scoperta dalla Polizia di Stato locale dopo aver documentato quanto succedeva dentro la classe.

La maestra – come si evince anche sul Messaggero – era solita punire i bambini con urla, colpendoli con una bacchetta, costringendoli a stare con la faccia contro il muro oppure con la testa china sul banco. Non solo, perché all’urlo

“ordine e disciplina”

Seguivano di norma strattonamenti, schiaffi utilizzando entrambe le mani, minacce e offese durante tutto l’arco della giornata. I genitori dei bambini hanno iniziato ad avere sospetti nel momento in cui i bambini, in casa, si mostravano terrorizzati per ogni azione.

Se la mamma o il papà si avvicinavano per dare un bacio al proprio figlio, questo si metteva le mani davanti per difendersi. Comportamenti che hanno portato gli stessi genitori a sporgere denuncia e chiedere alla Polizia di indagare sul comportamento della maestra a scuola.

L’indagine e la sospensione

Dopo che la polizia di Stato ha installato le telecamere di videosorveglianza all’interno della classe, i maltrattamenti verbali e fisici sono stati documentati. Per questo motivo la donna di 64 anni è stata accusata di maltrattamenti nei confronti di minori.

Gli agenti hanno eseguito l’ordinanza applicativa della misura, con divieto di esercitare la professione per sei mesi – come da volere del Giudice delle indagini preliminari.

Le ripetute violenze hanno evidenziato:

“l’incapacità di contenere talvolta anche l’esuberanza dei piccoli, con normali mezzi educativi”