Home News Mascherine, ne arrivano 9 milioni a 50 centesimi più Iva

Mascherine, ne arrivano 9 milioni a 50 centesimi più Iva

CONDIVIDI

Sono in arrivo 9 milioni di mascherine che costeranno, come previsto, 0,50 centesimi più Iva. Federfarma si è detta soddisfatta.

mascherine

Sulla questione mascherine è stata raggiunta una nuova intesa.

Una nuova intesa

Il commissario Arcuri e Federfarma hanno raggiunto un nuovo accordo sulla questione mascherine chirurgiche. Quei dispositivi medicali che dovranno essere venduti a 0,50 centesimi più Iva e che dovevano essere disponibili già da inizio Fase due in farmacie e tabaccai.

Un prezzo calmierato che aveva fatto discutere i rivenditori che già avevano acquistato scorte per prezzi ben più maggiori. Per questo motivo, sono stati stabiliti degli aiuti economici sui costi dei dispositivi già acquistati. La compensazione prevista dal Governo potrebbe arrivare fino a 0,10 centesimi. L’acquisto delle mascherine, però, potrebbe arrivare anche a 0,48 centesimi l’una, soprattutto se acquistate da rivenditori stranieri.

L’accordo sarebbe il terzo nel giro di sole due settimane. Il commissario Arcuri, come si legge su TgCom24 ha affermato:

“una delle questioni più rilevanti della fase 2 sembra raggiunto”.

Sin da lunedì prossimo 18 maggio, i distributori individuati dal governo, saranno riforniti con 10 milioni di mascherine.

Arrivi Made in Italy

In ogni caso, approvvigionarsene dall’estero a prezzi vantaggiosi a buon prezzo, non sarà impresa facile. Per questo motivo, da giugno saranno previsti 20 milioni di pezzi prodotti dalle aziende italiane che hanno deciso di riconvertire la loro produzione. Arcuri ha sottolineato:

“E’ un accordo chiaro in cui tutti, responsabilmente, abbiamo assunto gli impegni che dovevamo”.

Il massimo prezzo al quale dovrebbe essere acquistata una mascherina chirurgica sarebbe di 0,38 centesimi. Cosa che non è possibile con la produzione cinese che arriva fino a 0,48 centesimi. Per questo, lo Stato potrebbe impegnarsi a raggiungere i 0,10 centesimi per ciascun dispositivo acquistato.

Si spera che, con questo accordo, la questione delle mascherine possa essere arginata nel breve periodo. Un accordo che ha visto schierarsi tutti in ragione del bene comune.