Home Personaggi Chi sono Martina Facchini e Ylenia Demeo del caso di Alberto Genovese

Chi sono Martina Facchini e Ylenia Demeo del caso di Alberto Genovese

CONDIVIDI

Scopriamo tutto sulle due ragazze coinvolte nel caso di Alberto Genovese, che hanno rivolto gravi accuse all’imprenditore.

I nomi di Martina Facchini e di Ylenia Demeo sono finiti al centro dell’attenzione dei media per il caso choc che sta tenendo banco negli ultimi mesi: quello relativo all’imprenditore Alberto Genovese.

ylenia-demeo-martina-facchini

Le due ragazze sono state anche intervistate da giornalisti e conduttori, come Massimo Giletti a Non è l’Arena, e hanno riportato la loro esperienza.

Hanno denunciato gli abusi che avrebbero subito dall’imprenditore Alberto Genovese, nel contesto di quello che è diventato un vero e propri caso mediatico.

Chi è Martina Facchini

Nasce nel 1998 a Milano e ha quindi 23 anni.

Si diploma all’Istituto tecnico economico, dopo di che all’Istituto Europeo di Design di Milano, dove studia Creatività e Design della Comunicazione.

Sogna di diventare un’art director e di realizzare delle campagne pubblicitarie.

In passato, è stata legata a Maxime Delestre, mentre attualmente pare che frequenti un uomo, del quale non ha voluto svelare l’identità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @mrt_film

Chi è Ylenia Demeo

Ha 20 anni ed è originaria di Bari.

Fa la modella e sogna di ottenere grande successo nel mondo della moda. In passato viene scelta dall’agenzia Elite Model e si trasferisce a Milano.

Attualmente è single e ha dichiarato di volerci rimanere per problemi di fiducia nei confronti del prossimo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vince Varia (@vincevaria)

Le accuse ad Alberto Genovese

Entrambe le giovani hanno denunciato il noto imprenditore Alberto Genovese, accusato di violenza sessuale nei confronti di diverse ragazze.

Ylenia e Martina sono oggi rappresentate dall’avvocato Ivano Chiesa e stanno seguendo un percorso legale tortuoso, supportate anche dai loro rispettivi genitori.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Non è l’Arena (@nonelarena)