Home News Marsha P. Johnson, chi è il doodle di Google del 30 giugno...

Marsha P. Johnson, chi è il doodle di Google del 30 giugno 2020?

CONDIVIDI

Chi è Marsha P. Johnson celebrata con il doodle di Google di oggi 30 giugno 2020? Scopriamo insieme la sua misteriosa e affascinante vita.

Marsha P. Johnson, chi è il doodle di Google del 30 giugno 2020?

Il doodle di Google del 30 giugno 2020 è dedicato a Marsha P. Johnson, la grande pionera simbolo morta misteriosamente.

Chi è il doodle di Google del 30 giugno 2020

Questa mattina vi siete trovati dinanzi ad un doodle di Google colorato dai dettagli molto significativi. Realizzato dal celebre artista Gilliam è stato dedicato ad una drag queen, performer e simbolo movimento LGBTQ+ negli Usa.

Marsha nasce il 24 agosto 1945 nel New Jersey – Stati Uniti – diplomandosi nel 1963. Dopo questo decide di traferirsi a New York al Greenwich Village sito culturale LGBTQ+. Cambia il suo nome e tutti si chiedono ancora oggi cosa voglia dire la P puntata aggiunta da lei: significa “Pay it Not Mind” ovvero la risposta a chi le chiedeva qualcosa riguardo il suo genere.

Si può definire un simbolo e una rivoluzionaria dei suoi tempi, amata da tutti e riconosciuta nei moti di Stonewall del 1969. Arrivando al 1970 ha deciso di fondare la Street Tranvestite – oggi Transgender – insieme all’attivista Sylvia Rivera.

Uno dei punti di domanda che ancora oggi sembra non abbiano risposta è in merito alla sua morte, avvenuta misteriosamente quando aveva 46 anni nel 1992. Il suo cadavere è stato ritrovato nel fiume Hudson da alcuni ragazzi che passavano di lì ed è stato archiviato come suicidio.

Gli amici di Marsha si battono ancora oggi per la verità perché non hanno mai creduto a quella versione. Nel 2012 il caso è stato riaperto grazie all’attivista Mariah Lopez e le indagini proseguono seguendo la pista dell’omicidio.

L’anno scorso è stato annunciato il progetto di realizzare una statua in suo onore al Greenwich Village, per ricordare la sua lotta e per non dimenticare mai questo simbolo.