Home Casi Mario Bozzoli, la moglie rompe il silenzio sulla scomparsa e sul nipote:...

Mario Bozzoli, la moglie rompe il silenzio sulla scomparsa e sul nipote: “Fu ucciso”

CONDIVIDI

Mario Bozzoli, si cerca la verità per l’imprenditore scomparso nel nulla nel 2015. Ora la moglie rompe il silenzio e punta il dito sul nipote.

Mario Bozzoli, la moglie rompe il silenzio sulla scomparsa e sul nipote: "Fu ucciso"
Mario Bozzoli

La scomparsa di Mario Bozzoli è ancora oggi avvolta dal mistero, nonostante i sospetti portino al nipote Giacomo.

La terribile scomparsa dell’imprenditore

L’imprenditore sparisce nel nulla l’8 ottobre del 2015 e di lui, da quel momento, non ci sono più tracce. Tantissime le indagini e le ricerche che hanno portato gli inquirenti a credere che sia stato ucciso per motivi prettamente economici. Per i tre indagati – il nipote Alex Bozzoli e i due impegati operai che erano presenti nella fabbirca quella terribile sera, Oscar Maggi e Akwase Aboagye – è stata richiesta l’archiviazione.

L’unico sospettato ad oggi è Giacomo Bozzoli, nipote dell’uomo scomparso e figlio di Adelio, fratello e socio di Mario:

“non c’entrano nulla. non avrebbero mai fatto del male allo zio”

Come riporta il settimanale Giallo e dove si evidenzia che in passato non siano mancati alcuni screzi e battibecchi:

“incomprensioni, ma avevano chiarito tutto. Proveranno la loro innocenza”

La moglie di Mario rompe il silenzio

In tutti questi anni la moglie di Mario è rimasta in silenzio ma ora – sempre come si evince dal settimanale Giallo – parla e dice quello che pensa veramente di questa terribile vicenda:

“mario fu ucciso da suo nipote giacomo: dovete processarlo”

Irene Zubani, moglie dell’imprenditore scomparso, evidenzia inoltre:

“chi ha ucciso mio marito pagherà. ho sempre avuto fiducia nella giustizia”

La Procura di Brescia ha richiesto il processo con accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e distruzione di cadavere per Giacomo Bozzoli, il nipote di 35 anni.

Una verità che prima o poi emergerà, dietro tutti questi silenzi e punti di domanda.