Home Televisione Mare fuori, anticipazioni terza puntata: Filippo medita vendetta

Mare fuori, anticipazioni terza puntata: Filippo medita vendetta

CONDIVIDI

Scopriamo insieme cosa accadrà nei prossimi episodi di Mare Fuori, che vedranno protagonistai in particolare Filippo.

mare fuori filippo

Dopo l’ingresso in carcere di Filippo e Carmine e i soprusi subiti da entrambi, Filippo sceglierà di farcela da solo!

Anticipazioni Mare Fuori: Filippo decide di reagire ai soprusi

Su Rai 2, sta andando in onda la fiction dal titolo “Mare Fuori”, che sta riscuotendo un buon successo da parte di pubblico e critica.

La fiction è costituita da 6 puntate dirette da Carmine Elia per Rai Fiction e Picomedia.

Nella prossima puntata, in onda mercoledì, 7 ottobre 2020, i fan del nuovo prodotto tv avranno modo di vedere che il personaggio di Filippo si ritroverà a essere sempre più inserito all’interno del carcere.

La nuova realtà del ragazzo è davvero molto diversa da quella alla quale era abituato a Milano. Filippo finirà per meditare una nuova vendetta e addirittura sottrarre una lametta per difendersi da Pino.

Infine Paola, la direttrice, si renderà conto della sparizione e interromperà i permessi e le attività ricreative. I detenuti, di conseguenza, organizzeranno una vera e propria ribellione.

Cos’era successo nelle puntate precedenti…

Nelle puntate precedenti, erano stati introdotti i personaggi di Filippo e Carmine, due uomini molto diversi tra loro, che si ritrovano però condividere la stessa cella in un Istituto di Pena Minorile a Napoli.

Filippo è accusato di omicidio a seguito di una sfida di coraggio, mentre Carmine è accusato dello stesso reato, che avrebbe compiuto per difendere la fidanzata, che sta per essere violentata da un ragazzo di un clan rivale al suo.

All’incresso nell’istituto, Filippo è spaesato e per questo viene protetto, mentre Carmine viene brutalmente malmenato da Pino.

All’interno del carcere di creano delle situazioni davvero complesse da affrontare, specialmente da Filippo, che spera negli arresti domiciliari.