Home Cronaca Marco Eletti, uccise il padre a martellate e ferì gravemente la madre:...

Marco Eletti, uccise il padre a martellate e ferì gravemente la madre: la donna è stata dimessa

Il giovane autore di thriller era stato il primo a lanciare l’allarme il 24 aprile scorso, allertando le forze dell’ordine.

omicidio reggio emilia, arrestato Marco Eletti

Marco Eletti aveva riferito agli inquirenti di aver notato un principio di incendio nell’abitazione dei genitori, a San Martino in Rio, Reggio Emilia.

L’omicidio di Paolo Eletti

L’allarme è scattato intorno alle 17 del 24 aprile scorso, quando Marco Eletti, giovane scrittore di thriller e impiegato in una fabbrica di di ceramica, ha allertato i soccorsi per un incendio scoppiato nell’abitazione dei suoi genitori, nel reggiano.

Quando le forze dell’ordine sono giunte sul posto, hanno scoperto il corpo senza vita di Paolo Eletti, 58 anni, e hanno trovato la moglie della vittima, Sabrina, riversa in un lago di sangue con i polsi tagliati, in stato di semi-incoscienza.

La donna, parrucchiera di professione, era stata trasferita all’ospedale di Reggio-Emilia, dove è rimasta in bilico tra la vita e la morte per diverse settimane.

Le sue condizioni sono pian piano migliorate, fino alla completa guarigione, tanto che la 54enne nei giorni scorsi è stata dimessa.

La svolta: arrestato il figlio della coppia

La svolta nelle indagini è arrivata qualche ora dopo quello che, ad una prima indagine, sembrava essere un omicidio-suicidio.

Quella stessa domenica era stato infatti arrestato il figlio della coppia, con l’accusa di omicidio e tentato omicidio.

Marco Eletti, che ha all’attivo diversi romanzi di successo, tra cui “Sotto stato d’assedio” e “La Regola del Numero Sette” con cui è arrivato in finale nel premio Urania, non ha mai confessato il delitto.

Il 33enne, che vive da tempo da solo, spesso si recava a trovare i suoi genitori. Come avrebbe fatto anche domenica pomeriggio, quando ha messo in atto il suo piano omicida.

Leggi anche –> Uccise la moglie del suo ex amante, Chiara Grotti dopo la condanna a 30 anni: “Non merito di vivere”

Il movente sarebbe da ricercarsi in una diatriba per questioni patrimoniali, di cui da tempo sembra che discutessero genitori e figlio.

Sabrina Guidetti ha chiesto di poter incontrare il figlio, al momento detenuto in carcere.