Home Casi Manuel Bortuzzo, racconta la terribile notte: “Mi hanno urlato figlio di p****a...

Manuel Bortuzzo, racconta la terribile notte: “Mi hanno urlato figlio di p****a e poi lo sparo”

CONDIVIDI

Manuel Bortuzzo, la promessa del nuoto ferito da un colpo di pistola, è stato intervistato da Bruno Vespa per il Tg1 per ripercorrere quei drammatici momenti

Manuel Bortuzzo, racconta la terribile notte: "Mi hanno urlato figlio di p****a e poi lo sparo"
Manuel Bortuzzo – Intervistato da Bruno Vespa

Un‘intervista a cuore aperto quella di Manuel Bortuzzo ai microfoni del Tg1 per Bruno Vespa, raccontando ogni minimo dettaglio di quella drammatica notte.

L’intervista a Manuel Bortuzzo

Manuel è il ragazzo ferito da un colpo di pistola vicino al pub Axa a Roma Sud, mentre si trovava con la sua fidanzata al distributore automatico.

Una tragedia per un presunto scambio di persona o per far pagare a lui, tutta la rabbia di quei due ragazzi che gli hanno cambiato la vita per sempre. La promessa del nuoto – 19 anni – ha rilasciato un‘intervista a Bruno Vespa per il Tg1 raccontando la sua versione dei fatti:

“ho sentito un motorino arrivare, mi hanno urlato figlio di p*****na e sparato”

Evidenziando di come l‘urlo di quei ragazzi fosse proprio rivolto a lui, come se avesse fatto qualche torto a qualcuno durante quella notte. Successivamente allo sparo, sotto choc, si chiedeva cosa fosse successo e il perché non sentisse più le gambe.

La lesione al midollo spinale lo ha reso paralizzato, ma il ragazzo non dice addio alla sua carriera di sportivo ed è pronto a combattere più di prima.

Le condizioni di Manuel Bortuzzo

Manuel ha lasciato l’Ospedale per essere trasferito alla Fondazione Santa Lucia – Roma – in quanto centro specializzato per la neuroriabilitazione:

“Sono appena arrivato, questo è il mio nuovo campo di combattimento”

Dopo quel drammatico incidente e lo scambio di persona, Manuel non si è buttato giù e vuole sovvertire quanto detto dai medici:

“darò tutto quello che ho per tornare il prima possibile”

In questo centro, il ragazzo è a fianco di molti atleti e non mancano le continue dimostrazioni di affetto da parte di volti noti dello sport e non solo.