Home News Cellulare di cittadinanza, come fare per ottenerlo e le altre manovre previste

Cellulare di cittadinanza, come fare per ottenerlo e le altre manovre previste

CONDIVIDI

Tra le principali novità della manovra 2021, spicca il cellulare di cittadinanza che verrà consegnato nei nuclei familiari.

cellulare di cittadinanza

Tra gli altri punti della manovra 2021, ci sarebbe la possibilità, per le famiglie con ISEE al disotto dei 20000 euro, di un cellulare.

In arrivo a Montecitorio il testo per l’esame

E’ in arrivo il varo della manovra 2021. Si tratterà di una serie di disposizioni economiche per aiutare lavoratori e famiglie. Le novità sono molte. Tra queste, la più accreditata è il così detto kit digitalizzazione

Il kit spetterà alle famiglie con un Isee inferiore ai 20 mila euro. Queste ultime, potranno beneficiare di un cellulare in comodato d’uso per un anno. Lo smartphone sarà collegato a Internet.

I punti caldi della manovra

Affitti

I locatari che decidono di affittare le proprie abitazioni (ad uso abitativo) ad un prezzo più basso, potranno ottenere un rimborso pari al 50% per l’anno 2021. Un rimborso che, però, non potrà superare i 1200 euro. Tra le clausole spiccano il fatto che la casa debba trovarsi in un comune densamente popolato.

Inoltre, l’imposta municipale non sarà dovuta nel caso di immobili adibiti a turismo. Tra questi spiccano, ad esempio stabilimenti balneari ed agriturismi ma anche affittacamere.

Cassa integrazione

Per i lavoratori autonomi, la cassa integrazione varierà da 250 a 800 euro per i tre anni che vanno dal 2021 al 2023. A patto che non siano titolari di servizio pensionistico diretto.

Inoltre, sarà previsto un fondo al fine di esonerare i lavoratori autonomi e professionisti dal pagamento dei contributi previdenziali per il 2021.

Anche in questo caso, c’è una clausola ovvero il calo di fatturato nel 2020 pari almeno al 33% e un reddito complessivo non superiore a 50.000,00 euro.

Incentivi

Potranno avere degli incentivi di natura economica, le persone che acquistano autoveicoli a basse emissioni di Co2. Un incentivo pari a 1.000 euro se si acquista senza rottamazione, 2.000 euro se si acquista con rottamazione.

Il personale sanitario e sociosanitario statale, invece, potrà avere diritto ad una indennità, nel limite massimo di 100 milioni di euro.