Home Politica Manovra 2020: rimodulazione IVA e conferma Bonus 80 euro

Manovra 2020: rimodulazione IVA e conferma Bonus 80 euro

CONDIVIDI

Gualtieri ha confermato il blocco dell’aumento dell’IVA e la possibilità di rimodulare l’IVA per un sistema più equo

Sterilizzato l’aumento dell’IVA, il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri non esclude la possibilità di rimodulare l’aliquota per un sistema più equo sulla Manovra 2020

Secondo quanto sottolineato dallo stesso Gualtieri

l’aumento dell’IVA non è una delle fonti di finanziamento

delle misure della manovra e non esclude che si possano valutare

rimodulazioni, puntando a rendere più equo ed efficace il sistema che “non è sempre razionale”.

Gualtieri: previsioni sulla crescita economica dell’Italia

Sulle previsioni della crescita economica dell’Italia, Gualtieri ha sottolineato prudentemente che la crescita del PIL reale nel 2020 potrebbe essere pari allo 0,6%.

La finalità è quella di seguire tassi di occupazione, di crescita economica superiori alle previsioni e di beneficiare di un risparmio di circa 6,8 miliardi di spesa per interessi, derivante da un calo dello spread.

Gualtieri: Flat Tax con fatturato a 100.000 euro annui

Inoltre, Gualtieri ha confermato il possibile innalzamento della Flat tax a 100.000 euro di fatturato annuo.

Il mio giudizio è che si tratta di una misura che presenta numerosi profili critici e, tuttavia, l’orientamento del governo che si tradurrà nelle misure in manovra

ha detto lo stesso Ministro

“è quello di evitare interventi che modifichino le regole in gioco in misura troppo incisiva

Gualtieri ed investimenti “green”: l’asse portante della manovra 2020

Con la Manovra 2020 si punta al Green New Deal.

L’asse portante della Manovra 2020 sarà la svolta degli investimenti “green” e, in particolare, il Green New Deal consentirà una maggiore sostenibilità.

Verrà istituito un fondo di 50 miliardi ed il Governo studia la possibilità di emettere dei green bond, dedicati alla sostenibilità e all’ambiente.

I green bonds sono titoli di debito emessi dallo Stato italiano esplicitamente destinati a sostenere gli investimenti “verdi”.