Home Cronaca Napoli, mamme spingono le figlie piccole a picchiarsi e postano tutto sui...

Napoli, mamme spingono le figlie piccole a picchiarsi e postano tutto sui social: il video choc

La vicenda riaccende i riflettori sull’utilizzo smoderato dei social e sulle conseguenze che questo potrebbe avere.

bimbe che si picchiano -video choc

Alle botte assiste, suo malgrado, anche un neonato, che scoppia a piangere, probabilmente spaventato dal frastuono e dalle urla.

Bimbe si picchiano: il video diventa virale

Ha destato profonda indignazione il video postato su Tik Tok che riprende due bambine darsele di santa (?) ragione.

A rendere ancora più grave l’accaduto è il tifo che fa da sfondo alla scazzottata.

Alla presenza delle rispettive mamme, che le incitano a tirarsi i capelli e a difendersi dall’altrui affronto, le due bambine si picchiano con violenza.

Nel video, diventato virale in poche ore, si vede anche un bambino molto piccolo costretto ad assistere alla scena e che scoppia in un pianto disperato, forse spaventato dalle grida dei presenti.

Dopo la violenta “scazzottata” si sentono le rispettive mamme e nonne recriminare sull’accaduto, accusando una delle due bimbe di aver colpito l’altra con un pugno.

Il video e il messaggio della zia

“Ho letto i commenti che questa mattina che avete lasciato sotto al video delle mie nipotine. Io mi scuso per il brutto messaggio che è passato, ma, credetemi, queste due bambine si amano”

ha spiegato la zia delle due bambine.

Leggi anche –> Coppia gay picchiata nella metro di Roma: denunciato il presunto aggressore

Il filmato è stato diffuso dalla pagina La Radiazza di Gianni Simioli.

A corredo del video, il conduttore della trasmissione radiofonica invita gli adulti presenti alla scena a spiegare quale sia il gioco che stanno cercando di insegnare alle loro figlie.

“Che gioco è questo che state insegnando (tramandando?) alle vostre bambine?”

ha scritto il noto conduttore partenopeo.

Leggi anche –> Fa guidare la moto ad un bambino di 8 anni e posta il video su Tik Tok: denunciato e sanzionato