Home Cronaca Maltempo, allerta rossa in Emilia: il Ticino esondato a Pavia paura per...

Maltempo, allerta rossa in Emilia: il Ticino esondato a Pavia paura per nuovi crolli

CONDIVIDI

Ancora maltempo in tutta Italia: allerta rossa in Emilia-Romagna. A Pavia il Ticino è straripato. Resta la paura di nuove frane

maltempo

La penisola sotto la morsa del maltempo: fiume esondati e massima allerta per possibili crolli.

Maltempo: allerta rossa in Emilia e l’esondazione del Ticino

L’Italia è ancora in piena allerta meteo. In Emilia-Romagna l‘allerta rossa è stata prolungata anche per la giornata di oggi. Per l’Abruzzo e la Calabria possibile allerta arancione.

La scorsa notte il fiume Ticino è esondato a Pavia, nel rione del Borgo Basso. L’acqua è arrivata in via Milazzo, che è proprio la strada che si affaccia sul fiume.

Per oggi è prevista allerta gialla in diverse regioni, tra cui Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Molise, Campania e Basilicata.

Il crollo del viadotto a Savona

Inizia ora la conta dei danni per le regioni più fortemente colpite da quest’ondata di maltempo, in particolare Piemonte e Liguria.

In Piemonte una donna è morta, travolta dalla piena del fiume Bormida. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato nelle acque del fiume, a poca distanza dalla sua auto. La vittima è stata travolta dalla piena del Bormida, mentre cercava di mettersi in salvo.

A Savona è crollato il viadotto a Madonna del Monte sull’A6. Una frana di oltre 2 metri di fango ha travolto il tratto di Austrada, nel territorio di Altare. Un crollo che avrebbe potuto replicare la tragedia del Ponte Morandi, ma fortunatamente non si sono registrate vittime.

Ad evitare che il crollo diventasse un’altra strage è stato anche l’intervento di Daniele Cassol, che è riuscito a fermare la sua auto, proprio un attimo prima del crollo.

Quando si è reso conto che una parte del viadotto era crollata, Cassol è sceso dalla sua vettura e si è sbracciato per cercare di bloccare le auto e i pullman che arrivavano in quella direzione.

Intanto il presidente della Regione, Giovanni Toti, ha chiesto lo stato di emergenza.