Home News Mafia capitale, confermata in Appello la condanna a 6 anni per Gianni...

Mafia capitale, confermata in Appello la condanna a 6 anni per Gianni Alemanno

CONDIVIDI

Le accuse per l’ex primo cittadino sono di corruzione e finanziamento illecito. Secondo l’accusa, Alemanno avrebbe ricevuto 298 mila euro da Buzzi.

condanna 6 anni Alemanno

L’ex sindaco di Roma si è detto sconcertato per la sentenza confermata in Appello.

Le accuse nei confronti di Alemanno

Avrebbe intascato 298.500 euro da Salvatore Buzzi: è questa l’accusa contestata a Giovanni Alemanno, ex sindaco di Roma. Come riferisce anche Il Post, Buzzi è uno dei principali imputati nel processo di Mafia Capitale.

Il denaro intascato dall’ex primo cittadino sarebbe stato elargito in cambio di alcune indicazione sulle nomine nella società che gestisce i rifiuti nella capitale (Ama).

Secondo la tesi degli inquirenti, Alemanno sarebbe stato il punto di riferimento politico dell’organizzazione di Mafia Capitale, che faceva capo a Buzzi e Carminati.

Dalla somma contestata all’ex primo cittadino sarebbero derivati anche alcuni appalti. Carminati e Buzzi erano già stati condannati in Appello lo scorso anno per associazione mafiosa. Nell’ottobre dello stesso anno la Corte di Cassazione aveva tramutato il reato in associazione per delinquere, determinando la caduta di molte delle accuse contestati ai due.

Il commento dell’ex sindaco di Roma

L’ex primo cittadino era presente questa mattina in aula alla lettura della sentenza. Gianni Alemanno si è detto sconcertato per quanto deliberato dalla Corte di Appello.

“Sono sconcertato perché questa sentenza di appello pur di condannarmi smentisce una decisione della Cassazione secondo cui i miei coimputati sono stati riconosciuti colpevoli di traffico di influenze: sono “un corrotto senza corruttore”

ha commentato l’ex sindaco, che ha annunciato il ricorso in Cassazione per la sentenza pronunciata oggi.

Per l’ex sindaco è stata quindi confermata la stessa condanna già deliberata in primo grado, nonostante il procuratore avesse chiesto ai giudici che a Gianni Alemanno fosse contestato soltanto il reato di corruzione e che invece cadesse quello di finanziamento illecito.