Home Casi Maddie McCann, “il corpo dentro i pozzi”: l’intensa ricerca della Polizia in...

Maddie McCann, “il corpo dentro i pozzi”: l’intensa ricerca della Polizia in Portogallo

CONDIVIDI

Il caso di Maddie McCann non si ferma e ora la polizia in Portogallo sta cercando il suo corpo dentro i pozzi. Gli aggiornamenti.

Maddie McCann, "il corpo dentro i pozzi": l'intensa ricerca della Polizia in Portogallo

Il caso di Maddie McCann sta seguendo una pista precisa per il ritrovamento del corpo della piccola.

La ricerca del corpo della bimba scomparsa in Portogallo

Sono iniziate ufficialmente le ricerche della piccola Maddie tra i pozzi del Portogallo, dopo che è sparita nel nulla dal 2007. Della piccola non si hanno più avuto notizie dalla notte in cui, mentre i genitori erano a cena con altri amici, è scomparsa dalla camera dove soggiornava in vacanza a Praia de Luz.

La svolta in questo caso complicato e agghiacciante è avvenuta nel momento in cui il sospettato numero uno Christian Bruekner è stato arrestato: l’uomo di 43 anni è un pedofilo tedesco, in carcere per più reati. Ora, se non si trovano prove concrete sul suo coinvolgimento diretto a questa sparizione, l’uomo potrebbe uscire di prigione proprio questo mese di Luglio.

Nonostante i genitori della piccola abbiano da sempre creduto che potesse essere ancora viva, gli inquirenti e le ultime indagini hanno portato alla tragica conferma che la bimba sia morta addirittura poco dopo il suo rapimento.

I media locali sostengono quindi che sia stata lanciata una campagna di ricerca massiccia, nella zona del rapimento. Le ricerche del corpicino sarebbero concentrate nella zona di Vila do Bispo tra i pozzi della zona.

L’emittente RTP ha evidenziato che gli inquirenti hanno deciso di cercare il corpo in quella zona dopo aver ottenuto prove fondamentali a carico del sospettato numero uno: ricordiamo che lo stesso uomo è accusato anche per la scomparsa di un altro bambino sempre in Portogallo.

Per ora sembra che non siano emerse prove tra i pozzi, ma le indagini continuano anche dalla Germania con l’analisi delle foto e video ritrovati dentro il nascondiglio di Brueckner.